Ecco perché l’abbandono di animali è un reato

Nel periodo delle vacanze molte persone abbandonano i propri animali da compagnia e ogni anno si registrano incidenti stradali, spesso anche mortali che vengono causati da animali randagi o abbandonati.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Con l’arrivo dell’estate, oltre a lasciarci dietro alle spalle tutte le fatiche di un anno pieno di mascherine e distanziamenti sociali, ci possiamo finalmente godere quelle che sono le vacanze estive, dedicarci alla famiglia e viaggiare (Covid permettendo) raggiungendo le nostre località preferite.

Ma purtroppo, come avviene spesso, c’è chi rovina questo momento bello con comportamenti che non lo sono affatto: mi sto riferendo in maniera specifica ad una delle tematiche più ricorrenti e spiacevoli di questo periodo, ovvero l’abbandono dei propri animali da compagnia. Non è infatti una novità che ci siano persone che con l’arrivo delle vacanze estive, invece di badare al proprio animale domestico o portarlo in appositi centri “estivi” che garantiscono l’accoglienza e l’affidamento del proprio animale da compagnia, decidono di abbandonarlo per strada, facendo finta di nulla.

Proprio per questo motivo l’associazione “Animal Protection” ha deciso di lanciare la campagna 2021 per evitare l’abbandono di questi animali e di rendere soprattutto questa azione un reato vero e proprio, per mettere in evidenza i più di 110.000 animali abbandonati ogni anno e allo stesso tempo mettere in campo azioni concrete per evitare che questo possa ripetersi. Inoltre In Italia, a causa di questi comportamenti, si registrano migliaia di incidenti stradali, spesso anche mortali che vengono causati da animali randagi o abbandonati.

Quindi è bene ricordare che quando si abbandona un animale non si sta solo commettendo un’azione eticamente molto riprovevole, ma un reato vero e proprio, con il quale si mette a repentaglio la vita dell’animale ed anche dei cittadini con conseguenze gravissime che possono arrivare fino all’omicidio colposo. Si può perciò facilmente concludere che chi abbandona gli animali pone in essere un comportamento irresponsabile, violento e pericoloso. Prendere in casa un nuovo amico significa prendersi cura della sua vita e garantire sempre per lui: non si può nel momento del bisogno abbandonarlo come se non fosse importante.

Non dobbiamo lasciare che, a causa di contingenze di vita, vengano meno la nostra sensibilità ed il nostro rapporto affettivo con gli animali che vivono con noi: ricordiamocelo sempre. Lo dobbiamo a loro, a noi stessi ed all’intera società.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.