SABATO 23 MARZO 2019, 12:44, IN TERRIS


ITALIA-CINA

Via della Seta: firmato il memorandum

Stretta di mano Xi-Conte a Villa Madama. Il premier auspica relazioni "più efficaci"

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Xi Jinping e Giuseppe Conte
Xi Jinping e Giuseppe Conte
U

n lungo applauso ha chiuso la cerimonia di firma del memorandum d'intesa Italia-Cina da parte di Giuseppe Conte e Xi Jinping. A fare da cornice all'accordo la splendida location di Villa Madama. 


Auspicio

Italia e Cina devono "impostare relazioni più efficaci e costruire meglio rapporti che sono già molto buoni" ha detto il premier italiano prima del faccia a faccia. "L'incontro sia proficuo e ci permetta di guardare con rinnovato interesse" ai rapporti italo-cinesi, ha aggiunto ricordando come i due Paesi esprimano "due civiltà millenarie".


Reazioni

"Più opportunità ci sono per le imprese meglio è", ha commentato il vicepremier, Matteo Salvini. "Noi vogliamo essere cauti quando c'è in ballo la sicurezza nazionale - ha proseguito parlando al Forum Confcommercio - il trattamento dei dati sanitari e telefonici, la nostra privacy, la nostra vita, l'energia, che deve essere sotto il controllo di organismi italiani. Per il resto se si portano gli imprenditori italiani in Cina, piuttosto che in Russia o in Brasile, va benissimo". Per il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, l'accordo "deve essere considerato come logica bi-direzionale. Le rotte della seta non possono essere solo le rotte della Cina verso l'Europa e l'Italia per vendere prodotti, ma di una dimensione bi-dimensionale in cui l'Italia e l'Europa vendano prodotti alla Cina che è un grande mercato". Parlando a margine di un convegno sulle opere pubbliche a Pellezzano, nel Salernitano, Boccia ha aggiunto: "In questa logica vanno interpretati gli accordi, in una logica sia italiana che europea, questo significa più Europa nel senso che occorre una posizione dell'Italia in Europa determinante perché siamo la seconda manifattura d'Europa e, quindi, abbiamo un interesse forte a mercati del mondo, senza dare esclusive a nessuno". Nel memorandum sulla Via della Seta, ha proseguito Boccia, "ci sono delle cose che non riguardano sicuramente le infrastrutture e le tecnologie che difendono il Paese, ricordando che le infrastrutture sono una dote patrimoniale del Paese su cui dobbiamo fare un'operazione strategica e non possiamo svenderla a nessuno".

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore