MARTEDÌ 05 SETTEMBRE 2017, 10:46, IN TERRIS

Vaccini, il Veneto deroga l'obbligo al 2019. Lorenzin: "Si assumeranno le responsabilità"

La Regione emana un decreto che posticipa la presentazione della documentazione di assolvimento, citando incongruenze. Il titolare della Salute: "Decreto Insostenibile"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Vaccini, il Veneto deroga l'obbligo al 2019. Lorenzin:
Vaccini, il Veneto deroga l'obbligo al 2019. Lorenzin: "Si assumeranno le responsabilità"
Nel giorno in cui ci si aspettava una mossa della Lombardia in merito al decreto sulle vaccinazioni obbligatorie, è arrivata quella a sorpresa del Veneto che, con una moratoria inattesa, deroga al 2019 la presentazione della documentazione relativa all'avvenuta vaccinazione, giustificando la decisione con il riscontro di alcune incongruenze nel testo di legge. "Non ho capito quali siano - ha spiegato il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, in un'intervista al 'Messaggero' - ma insieme al ministro della Salute Lorenzin ribadiamo che non si decade dall'iscrizione... Se hanno fatto una scelta diversa che non risponde ai parametri della legge, il Veneto si assume una responsabilità impropria di non applicare una legge del Parlamento. Punto".

Lorenzin: "L'epidemia di morbillo non è finita"


Sulla stessa linea il ministro Beatrice Lorenzin: "Ci riserviamo tutte le azioni di nostra competenza - ha spiegato in un colloquio con 'Il Corriere della Sera' -, il decreto del Veneto non è sostenibile. Se derogano di due anni, si assumono la responsabilità di quello che può accadere in ogni struttura e ai singoli alunni. L'epidemia di morbillo non è finita. Nel 2017 sono stati oltre 4.300 i casi, non c'è altro da aggiungere per spiegare la gravità della situazione". Nel corso dell'intervista, il guardasigilli ha detto di essere serena "sulla correttezza di un provvedimento a difesa della tutela della salute, principio previsto dall'articolo 32 della Costituzione. Sono misure necessarie per difendere la collettività".

Sfida sui vaccini


Eppure, quella del Veneto somiglia molto a una sfida lanciata dalla Regione al Governo, in un contesto in cui, secondo Lorenzin, "le istituzioni negli ultimi anni hanno dato per scontato che ci fosse consapevolezza sull'importanza delle vaccinazioni che invece è venuta a mancare. E in questo vuoto si sono inseriti i free vax con le loro teorie strampalate e prive di ogni fondamento scientifico, rilanciate dai social. Leggende metropolitane gigantesche". Chiusura totale anche sulla possibilità di ammettere nelle scuole da 0 a 6 anni bambini privi di vaccinazione: "È un divieto sacrosanto. In questa fascia scolastica, da 0 a 6 anni, convivono bambini di età diverse. Quelli sotto i 6 mesi rischierebbero di essere contagiati dai più grandi e di essere colpiti da infezioni gravi come il morbillo, che quest'anno nel 46% dei casi ha richiesto il ricovero in ospedale".

Codacons denuncia Lorenzin


A prendere le difese della Regione Veneto interviene il Codacons. "Presenteremo oggi stesso un esposto al Tribunale perché riteniamo il comportamento del ministro inaccettabile e lesivo della Costituzione", spiega l’associazione dei consumatori. Che rincara: "La decisione della Regione Veneto di prorogare fino al 2019 le nuove disposizioni sulle vaccinazioni è pienamente legittima, perché la Costituzione riconosce alle amministrazioni regionali piena autonomia su alcune materie come la sanità. Non solo. La deroga è quanto mai necessaria per arginare il caos nelle iscrizioni a scuole e asili causato da una legge, quella voluta dal ministro Lorenzin, varata in fretta e furia e piena di errori e zone grigie".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte dei Conti
POLITICA FISCALE

Corte dei Conti: "Taglio tasse? Strategie di lungo respiro"

Lo hanno detto le Sezioni riunite dell'organo di rilievo costituzionale
LAZIO

Roma, pittore ucciso: fermato un 18enne

Per l'omicidio di Umberto Ranieri è indagato un giovane originario della Tunisia
Barchetta di carta con foto di immigrati
MIGRANTI

Sea Watch chiede soldi: "Aiutateci a difendere i diritti umani"

Colletta dell'ong per le spese legali da affrontare se sbarca in Italia. Salvini: "Nave fuorilegge"
Il garage a Chiavari in cui è stato ucciso Orazio Pino
CHIAVARI

Omicidio Orazio Pino: arrestato il presunto assassino

Si tratterebbe di Sergio Tiscornia, fidanzato dell'amante della vittima
Antonio Stano
NERA

Manduria, morte di Stano: altri nove arresti, otto minori

Dalle carte emerge anche un nuovo episodio nei confronti di un'altra persona con disturbi mentali
Carabinieri in azione
NAPOLI

Maxi colpo alla Camorra: 126 arresti in tutta Italia

Persone considerate appartenenti ai clan Contini, Mallardo e Licciardi
 Migranti al confine tra Stati Uniti e Messico
MESSICO

Migranti Usa: morti una donna e 3 bimbi

Le autorità: "Decedute per disidratazione ed esposizione all'eccessivo caldo"
Manifestazione pro-Tav a Verona
TORINO - LIONE

Tav: il finanziamento dell'Ue salirà al 55%

Toninelli: "Rimango sempre dell'idea che i soldi possano essere impiegati meglio"

L'inciviltà di certi giornalisti

Mi è capitato ieri, come in altre occasioni: arriva un giornalista con cameraman sotto casa, e suona...
Palazzo Chigi
PALAZZO CHIGI

Nodo sulle Autonomie, il testo non va in Cdm

Scontro fra le due forze di maggioranza sul tema, mentre i grillini provano a spingere sulla revoca ad Autostrade