MARTEDÌ 26 SETTEMBRE 2017, 17:41, IN TERRIS

Vaccini, "sì" del Consiglio di Stato all'obbligo nelle scuole dell'infanzia

L'organo era stato interpellato dal governatore del Veneto, Zaia: "Ne prendiamo atto ma resta in piedi il ricorso alla Corte Costituzionale"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Vaccini
Vaccini

Arrivato il “sì” del Consiglio di Stato: già dall’anno in corso i vaccini saranno obbligatori per accedere alle scuole dell’infanzia. Il parere è stato espresso a seguito della richiesta di chiarimento effettuata dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, specificando che “già a decorrere dall’anno scolastico in corso trova applicazione la regola secondo cui, per accedere ai servizi educativi per l’infanzia e alle scuole dell’infanzia, occorre presentare la documentazione che provi l’avvenuta vaccinazione”. Lo stesso governatore, nelle scorse settimane, aveva proposto un decreto moratoria con il quale posticipava l’assolvimento dell’obbligo vaccinale (ovvero la presentazione della documentazione necessaria) al 2019 per i bambini fra 0 e 6 anni, salvo poi tornare indietro dopo il consiglio dell’Ordine dei medici.


Lorenzin: “Vaccini fondamentali”

La ratificazione “della correttezza della legge” da parte del Consiglio di Stato ha incontrato la soddisfazione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la quale ha salutato la sentenze come “una buona notizia: è sempre importante ricordare che i vaccini sono le uniche armi che abbiamo per combattere virus pericolosissimi”. Il guardasigilli ha poi sottolineato l’importanza di una copertura collettiva e di una maggiore protezione, spiegando che “per questo lo scopo del Governo è stato quello di alzare il livello di immunizzazione del nostro Paese e mettere in sicurezza la collettività”.


Zaia: “Resta in piedi il ricorso alla Corte Costituzionale”

Di quanto affermato dal Consiglio non può che prendere atto il governatore del Veneto, Zaia: “Il parere al Consiglio di Stato sulle modalità di applicazione della legge nazionale sui vaccini lo avevamo chiesto noi, quindi ne rispettiamo totalmente le conclusioni. Ci riserviamo peraltro di leggerne integralmente i contenuti, aldilà delle anticipazioni avute tramite le Agenzie”. Il presidente aveva interpellato l’organo immediatamente dopo la rinuncia a portare avanti il decreto-moratoria, chiedendo lumi sull’applicazione della normativa vaccinale sui bambini non iscritti rientranti nella fascia d’età 0-6. Ma, ha precisato Zaia, “resta in piedi il nostro ricorso alla Corte Costituzionale, che è anche stato aggiornato sulla base della conversione nella legge 119 del decreto Lorenzin sull’obbligatorietà dei vaccini, la cui discussione è stata fissata per il 21 novembre 2017 in udienza pubblica”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Quando le alchimie politiche non pagano

Dunque l’azione di governo s’interrompe qui. E finisce poco prima delle sedici di un martedì...
Matteo Renzi, Ignazio La Russa, Anna Maria Bernini ed Emma Bonino
CRISI DI GOVERNO

Tra voto e nuovo governo: il dibattito in Senato

Si susseguono gli interventi dei rappresentanti politici dopo i discorsi di Conte e Salvini
Giuseppe Conte e Matteo Salvini
CRISI DI GOVERNO

Conte ai senatori: "Rassegnerò le mie dimissioni"

Il presidente del Consiglio relaziona in Aula sugli scenari aperti dalla crisi
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua