VENERDÌ 19 LUGLIO 2019, 09:34, IN TERRIS

ALLERTA D'ESTATE

Vacanze e social: allarme furti

La denuncia shock di Skuola.net: "Più della metà si geolocalizza"

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
A

llarme furti estivi. Ma questa volta complici inconsapevoli sono gli stessi derubati. Secondo una ricerca effettuata da Skuola.net in collaborazione con Verisure, infatti, su circa 4.000 ragazzi, due su tre pensano che vi sia una relazione tra i furti in casa e la visibilità online. Eppure, nonostante questa consapevolezza, il 57% di loro si geolocalizza sui social oppure lascia il proprio profilo aperto, permettendo ai criminali di agire con più sollievo. 


Sempre presenti

I più giovani - rileva lo studio - non si curano troppo della loro privacy. La maggior parte di loro, scarica app che richiedono la geolocalizzazione e, senza troppi problemi, costoro la inseriscono. Per i più giovani, mostrare i luoghi delle proprie vacanze è un modo "distorto" di ribadire al mondo social il proprio esserci al mondo. Come citato sopra, infatti, più della metà attiva il geolocalizzatore: il 44% lo fa molto spesso e il 13% sempre. Secondo i dati, il 52% non resiste a fare un racconto social mentre il 49% tende a selezionare i momenti più importanti.


Profili aperti

Il lessico social, specialmente legato alla piattaforma Instagram, abitua gli utenti a lasciare gli account aperti. Per "aperto" s'intende un profilo online visibile da tutto il popolo digitale, anche da utenti non affiliati, che non rientrano, cioè, nella cerchia degli "amici". Il 40 % dei ragazzi ammette di avere profili social aperti a tutti - il picco (circa il 43%) riguarda gli utenti tra i 15 e i 19 anni - , a cui s'aggiunge il 13% che apre il proprio account agli "amici degli amici" (una categoria che include una cerchia più allargata rispetto ai soli "amici"). Solo il 21% degli intervistati "chiude" l'accesso alle proprie pagine.


Gap generazionale?

Diverso è il comportamento tenuto dai genitori, soprattutto in vacanza. Il 21% si geolocalizza, mentre il 3% ha l'abitudine di tenere un diario digitale preciso delle proprie vacanze. Solo il 17% si limita a segnare le attività principali, mentre il resto non utilizza proprio i social network. Nel complesso, la ricerca rileva che solo due adulti su dieci lasciano profili "aperti". Agli adulti va, piuttosto, il compito di salvaguardare le proprie abitazioni dalle incursioni, badando ai sistemi di antifurto. Secondo la ricerca, tre case su quattro sono dotate di una qualche misura di sicurezza. Tuttavia, circa un quarto delle abitazioni ha una porta blindata e solo il 16% ha un sistema d'allarme discreto: nello specifico, circa il 38% ha un semplice allarme con suoni e luci e solo il 21% ha un sistema antifurto monitorato h24 da una Centrale Operativa.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Bullismo
MINORI VIOLENTI

Lunedì in aula la legge che toglie i bulli alle famiglie

Numero verde per le vittime e multe ai genitori che non mandano i figli a scuola
Calzaturificio
EMPOLI

Pagati un euro l'ora: 2 arresti per caporalato

Migranti africani sfruttati in ditte calzaturiere gestite da due coniugi cinesi
Il degrado nell'ex-stabilimento Thyssen di Torino - Foto © Alessandro Di Marco per Ansa
DIRITTI UMANI

Thyssen, la Corte Europea avvia un procedimento contro Italia e Germania

I due Paesi dovranno chiarire a Strasburgo perché i manager dello stabilimento, seppure condannati, sono ancora in...
Giornata Mondiale dei Poveri 2019: logo e tema
EDIZIONE 2019

Giornata Mondiale dei Poveri: le iniziative diocesane

A Rimini un gruppo di giovani condividerà la notte con i senzatetto
Decorazioni natalizie

Sì al Natale a scuola

Si avvicina Natale e immancabilmente alcuni insegnanti, stavolta in provincia di Ancona, ripropongono il solito...
Magistratura

La Magistratura non risponde a logiche politiche

La Magistratura per sua natura ha funzione e carattere professionale. Non è un soggetto del gioco politico o...
Una veduta aerea del complesso scolastico teatro della sparatoria
IL DRAMMA

Sangue negli Usa: spari in un liceo di Santa Clarita

Uno studente di 16 anni ha ucciso due compagni, ferendone altri quattro. Arrestato, anche lui sarebbe gravemente ferito
Fotografia di Stefano Cucchi
ROMA

Caso Cucchi, 12 anni per due carabinieri

Si tratta dei due militari accusati del pestaggio. Tedesco assolto dall'accusa di omicidio preterintenzionale. Prescrizione...
Jorge Lorenzo
MOTO GP

Lorenzo si ritira: ultima gara a Valencia, dove iniziò tutto

Il fuoriclasse maiorchino chiuderà la carriera dove conquistò il primo titolo mondiale: "Era meglio...
L'autoproclamatasi presidente Jeanine Áñez pronuncia il discorso prima di assumere la presidenza
BOLIVIA

La neopresidente Áñez cambia i ministri. Morales dal Messico la condanna

Rimpasto dell'esecutivo a La Paz. Aumentano le incognite di un Paese in bilico
Alvin accompagnato da due membri della Croce Rossa e Mezzaluna rossa Internazionale
AUDIZIONE PROTETTA

Il dramma di Alvin: "Ho visto morire mia mamma"

Il racconto shock del bimbo 11enne, portato in Siria proprio dalla madre unitasi al Califfato. Sei giorni fa il rientro in...
La foto della Madonnina che ha resistito alla tromba d'aria nella pineta devastata - Foto © Giuseppe Ferrara per BasilicataNotizie.net
BASILICATA

A Policoro, la Madonnina resiste alla furia del vento

La scena immortalata in una foto della pineta devastata. C'è già chi grida al miracolo