DOMENICA 05 APRILE 2015, 001:30, IN TERRIS

VACANZE A RISPARMIO PER GLI ITALIANI. IN 51 MILIONI RESTANO A CASA

Secondo Federalberghi per Pasqua partirà solo il 15% della popolazione. Mare e città d'arte le mete preferite

REDAZIONE
VACANZE A RISPARMIO PER GLI ITALIANI. IN 51 MILIONI RESTANO A CASA
VACANZE A RISPARMIO PER GLI ITALIANI. IN 51 MILIONI RESTANO A CASA
Maltempo e crisi fermano le vacanze di Pasqua degli italiani. Secondo un studio di Federalberghi saranno circa 9,05 milioni i cittadini (pari al 14.9% della popolazione) che si muoveranno in questi giorni, mentre in 51 milioni resteranno a casa dove festeggeranno con amici e parenti. Le mete preferite, per l'81% degli italiani che rimarranno nel Bel Paese, saranno il mare (30,5% della domanda rispetto), le città d'arte maggiori e minori (26,2%), la montagna (24,3%), i laghi (4,5%) e le località termali e del benessere (2,5%). Per il 17% di chi andrà all'estero le grandi capitali europee assorbiranno il 69,7% della domanda, seguito dall'11,7% che si recherà al mare o i crociera. La permanenza media si attesterà sulle 3,4 notti con una spesa media pari a 340 Euro con un dettaglio di 271 Euro per chi resterà in Italia e di 605 Euro per chi andrà in un Paese straniero, risultato che genererà un giro d'affari di circa 3,08 miliardi.

La struttura ricettiva preferita, inoltre, sarà per il 32,4% la casa di parenti o amici, seguita dall'albergo (26,9%), dalla casa di proprietà (15%), dai B&B (6,4%) e dall'appartamento in affitto (4,2%). Tra l'85,1% di italiani che invece non si muoveranno di casa per il periodo pasquale, i motivi della non-vacanza saranno fondamentalmente legati a motivi economici (49,4% dei casi), motivi famigliari (21,9%), o motivi di salute (17,1%).

"Un risultato finale -spiega il presidente dei Federalberghi, Bernabò Bocca - che deve far riflettere attentamente Governo e Parlamento ai quali chiediamo l'adozione di misure straordinarie quali un alleggerimento della pressione fiscale e degli altri costi che gravano sul sistema ricettivo e una revisione degli incentivi per chi crea lavoro, in quanto il contratto a tutele crescenti può andar bene per le imprese che hanno una domanda 'piatta', ma e' di fatto inapplicabile per il turismo interessato da notevoli fluttuazioni della domanda che impongono il ricorso principalmente a contratti a tempo determinato".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Marco Impagliazzo (ph Ata)
COMUNITÀ DI S. EGIDIO

Un'agenzia pubblica per l'emergenza abitativa

Proposta in occasione della presentazione della guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi"
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"