VENERDÌ 17 APRILE 2015, 10:30, IN TERRIS

UN PENTITO: "HO DECISO DI COLLABORARE DOPO LA SCOMUNICA DEL PAPA"

L'ex boss Carmelo D'Amico: "Le parole del Pontefice mi hanno fatto cambiare vita". Trattativa Stato-Mafia: "La politica dietro le stragi del 92"

AUTORE OSPITE
UN PENTITO:
UN PENTITO: "HO DECISO DI COLLABORARE DOPO LA SCOMUNICA DEL PAPA"
"Ho deciso di collaborare con la giustizia dopo la scomunica dei mafiosi di Papa Francesco, quelle parole mi hanno colpito moltissimo. Mi hanno fatto riflettere e così ho deciso di cambiare vita". A parlare è Carmelo D'Amico ex boss di Cosa Nostra divenuto collaboratore di giustizia che sta deponendo durante il processo sulla trattativa Stato-Mafia. "Volevo cambiare vita - ha detto, visibilmente emozionato, collegato in videoconferenza - sia per me che per la mia famiglia. E quando ho sentito le parole del Papa contro la mafia ho deciso di parlare con i magistrati per raccontare ciò che sapevo". Era il 21 giugno del 2014 quando il Pontefice pronunciò la sua scomunica ai mafiosi: "La Chiesa deve dire di no alla 'ndrangheta. I mafiosi sono scomunicati". Il pentito D'Amico oggi ammette anche "di non avere raccontato tutto subito - spiega - perché avevo paura per la mia famiglia che stava ancora a Barcellona Pozzo di Gotto".

L'esordio di D'Amico è stato da brividi: "I nomi che farò oggi sono di persone capaci di tutto - ha spiegato - possono entrare nelle carceri e uccidere simulando suicidi e morti naturali. Sono loro che dirigono la politica e cercheranno di togliermi di mezzo come volevano fare con lei, dottor Di Matteo". Secondo la testimonianza dell'ex mafioso dietro le stragi del 1992 ci sarebbero pezzi deviati dei servizi segreti e della politica; affermazioni, ovviamente, tutte da verificare. "Tanti pentiti come Brusca o Giuffrè, e altri collaboratori sono in piena coscienza che i mandanti delle stragi sono sono loro. Siccome sanno la potenza dei servizi segreti, non parlano perché sono spaventati. Io ho paura di tutto. Faranno di tutto per eliminarmi".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau