DOMENICA 21 GIUGNO 2015, 14:28, IN TERRIS

UN MILIONE IN PIAZZA PER DIFENDERE I NOSTRI FIGLI

Bagno di folla a Roma a piazza San Giovanni per dire no alla teoria gender nelle scuole

HORTENSIA HONORATI
UN MILIONE IN PIAZZA PER DIFENDERE I NOSTRI FIGLI
UN MILIONE IN PIAZZA PER DIFENDERE I NOSTRI FIGLI
"Siamo più di un milione, grazie a tutti per essere qui, famiglie da ogni regione d’Italia". Così ha esordito Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato "Difendiamo i nostri figli" dando il via questo pomeriggio alla manifestazione nazionale organizzata in piazza San Giovanni a Roma per riaffermare il diritto di ogni padre e madre a educare i figli rigettando con forza il tentativo di infiltrare nella scuola la teoria gender, ma anche contro il disegno di legge che equipara il matrimonio costituzionale, così come fino ad oggi è conosciuto, ad altre forme di unioni, comprese quelle tra persone dello stesso sesso, una realtà ormai prossima grazie al ddl Cirinnà attualmente in discussione in Senato.

Una grande manifestazione popolare che come è stato più volte sottolineato, non è da confondere con il "Family Day" o con un evento cattolico, ma un’iniziativa nata dal basso al quale non hanno mancato di dare il loro sostegno rappresentanti delle varie etnie africane della città,  il Rabbino capo della comunità ebraica di Roma Riccardo Di Segni e un Imam salito sul palco per confermare che quello che vogliono portare dentro le scuole è "un progetto pericoloso che vuole inquinare i nostri figli. Un percorso cattivo per l'umanità. Con la vostra forza possiamo sconfiggerlo".

"Il segretario del Papa - ha spiegato il neuroscienziato Gandolfini - mi ha detto che Bergoglio ha risposto così a una mia lettera: 'Bisogna agire contro queste ideologie, contro l'ideologia gender'. Sappiate che il Santo Padre sta con noi".

unnamed (1)All'ombra della storica Basilica di San Giovanni in Laterano le vie della Capitale hanno ospitato le miglia di persone che hanno voluto rompere il silenzio e far sentire la loro voce, tra queste anche famiglie di musulmani, ebrei e di ogni realtà contraria all'indottrinamento del gender che vuole imporre ai bambini, sin dalla più tenera età, la scelta del proprio genere sessuale. Il tutto veicolato attraverso la lotta al bullismo e alla discriminazione, "su cui siamo assolutamente d'accordo" come ricorda il professor Gandolfini, ma che nasconde il progetto di educazione sessuale sul quale ben poche famiglie sono informate.

“Sono qui per parlare della differenza tra maschile e femminile – ha spiegato nel suo intervento la giornalista Costanza Miriano -  e non so da dove cominciare, perché la differenza è talmente tanta e talmente evidente, che mi sembra davvero di sguainare la spada per dire che le foglie sono verdi in estate, e che due più due fa quattro. L’insofferenza a tutto quello che parla di maschio e femmina ha raggiunto il parossismo, e nell’epoca della comunicazione si restringe sempre di più il campo delle cose che si possono dire liberamente, c’è una sorta di polizia del pensiero”. Così ha ricordato le parole di Giorgio Gaber che con il suo stile unico, elegante e scomodante entra nel cuore della questione: "E’ dallo scontro incontro tra un uomo e una donna che si muove l’universo intero. All’universo non importa niente dei popoli e delle nazioni. L’universo sa soltanto che senza due corpi differenti e due pensieri differenti non c’è futuro."

Partecipazione massiccia anche dal mondo della politica che proprio nei giorni scorsi ha visto nascere, con un centinaio di iscritti tra deputati e senatori, il "Comitato parlamentare per la famiglia" con adesioni da Area popolare, Forza Italia, Lega, gruppo misto e Per l'Italia. Tra i promotori Alessandro Pagano (Ap), Maurizio Gasparri, Maurizio Sacconi, Carlo Giovanardi, Roberto Formigoni, Paola Binetti, Eugenia Roccella. A sostenere la manifestazione c'è anche il leader di Ncd e ministro dell'interno Alfano che ha dichiarato: "Noi siamo per un 'sì' forte e chiaro alla lotta contro ogni forma di discriminazione e, allo stesso tempo, siamo per un 'no' determinato alla teoria Gender che non si fonda sul giusto rispetto delle diversità, ma mira a togliere ai genitori il ruolo naturale di educatori dei propri figli. In questo quadro la scuola ha il compito di supportare l'educazione genitoriale, ma non di sostituirla".

Non sono mancate le polemiche di chi come il sottosegretario alle Riforme del governo Ivan Scalfarotto che ha definito l'evento "inaccettabile". Critiche anche dalle associazioni di attivisti omosessuali che protestano con il tag #familygay e da Sel, con la campagna web #chiconoscenonhapaura la quale sottolinea che "la famiglia è ovunque ci sia amore".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"