MERCOLEDÌ 20 FEBBRAIO 2019, 16:58, IN TERRIS


CAMERA

Tria: "Manovra correttiva? Prematuro"

Il ministro dell'Economia risponde al Question time a Montecitorio: "Alitalia? La soluzione solo di mercato"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Giovanni Tria
Giovanni Tria
"P

rematuro parlare di una Manovra correttiva". Ne è convinto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, che parla dell'argomento al Question time alla Camera, rispondendo a un'interrogazione di Liberi e uguali. Posticipato, dunque, un possibile intervento sul testo che ha regolamentato a fatica i conti pubblici, con il titolare del Mef che pone come motivazione il poco tempo trascorso (poco più di due mesi) "dal confronto con le istituzioni europee che hanno valutato positivamente la manovra di bilancio a seguito del negoziato". Resta tutto così per ora: "Certamente nel prossimo Def si aggiorneranno le previsioni economiche: l'aggiornamento porterà a una valutazione e alla verifica dei saldi che saranno oggetto del confronto con l'Unione europea".


La crescita

Nella sua analisi, inoltre, Tria ha spiegato che "sono state accantonate e rese indisponibili" risorse "per due miliardi di euro. Qualora dal monitoraggio dell'andamento dei conti pubblici si mostrasse coerente con gli obiettivi programmatici, al netto di maggiori entrate e dismissioni, gli accantonamenti con delibera del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell'Economia, possono essere resi disponibili". Margini di riserva che, per il ministro, "appaiono più che sufficienti". Per quanto riguarda le stime non proprio ottimistiche sulla crescita economica, Tria si augura che "non accada che l'economia cresca meno del previsto".


Alitalia

Una parentesi anche sulla questione Alitalia dopo che, nella giornata di ieri, era arrivata la notizia di una possibile volontà di EasyJet e Delta di invistire in tandem 400 milioni. Le parole di Tria sono state incentrate più che altro sul tema dell'intervento statale e, su questo, il ministro è stato chiaro: "Non c'è in campo il tema di una ri-nazionalizzazione di Alitalia, la soluzione non può che essere di mercato, trainata da soggetti di rilievo".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Quando le alchimie politiche non pagano

Dunque l’azione di governo s’interrompe qui. E finisce poco prima delle sedici di un martedì...
Matteo Renzi, Ignazio La Russa, Anna Maria Bernini ed Emma Bonino
CRISI DI GOVERNO

Tra voto e nuovo governo: il dibattito in Senato

Si susseguono gli interventi dei rappresentanti politici dopo i discorsi di Conte e Salvini
Giuseppe Conte e Matteo Salvini
CRISI DI GOVERNO

Conte ai senatori: "Rassegnerò le mie dimissioni"

Il presidente del Consiglio relaziona in Aula sugli scenari aperti dalla crisi
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua