LUNEDÌ 27 LUGLIO 2015, 14:30, IN TERRIS

TERRORISMO, MATTARELLA: "E' UN BUCO NERO DI UMANITA'"

Il capo dello Stato ha incontrato gli ambasciatori italiani: "Contro il fondamentalismo serve una battaglia culturale". Marò: "Lotteremo per loro"

AUTORE OSPITE
TERRORISMO, MATTARELLA:
TERRORISMO, MATTARELLA: "E' UN BUCO NERO DI UMANITA'"
L'Italia "continuerà a battersi affinché Massimiliano Latorre possa restare e Salvatore Girone rientrare al più presto". Lo ha assicurato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell'undicesima conferenza degli ambasciatori d'Italia. "Il nostro Paese è pronto a proteggere i propri cittadini e a investire sul loro futuro" ha spiegato aggiungendo poi che i valori italiani sono: "pace, umanità e crescita solidale. Possiamo esserne orgogliosi e portarli nel mondo a testa alta. Sappiano, senza retorica, che vi è bisogno di Italia nell'Europa e nel mondo".

Il capo dello Stato ha poi ricordato il flagello rappresentato dal terrorismo, definito un "buco nero di umanità". Ma Mattarella ha avvertito che quella da intraprendere è soprattutto una battaglia "politica e culturale, prima ancora che militare, contro l'estremismo e il fanatismo, contro chi fomenta divisioni, odio e radicalismo, soprattutto tra le generazioni più giovani, negli ambienti più emarginati. Abbiamo bisogno non di una guerra di civiltà, ma di un 'patto di civiltà' che riscopra quell'interazione positiva tra Islam e Occidente che la storia ha già conosciuto. Un'interazione che deve prosciugare i giacimenti di odio e deve provare a definire politiche di sviluppo e principi comuni, a partire dai diritti fondamentali della persona umana, ponendo fine alle persecuzioni per ragioni etniche o religiose come nel caso delle comunità cristiane in Oriente".

Il Presidente ha sottolineato che "intorno al Mediterraneo è aperta la terribile sfida di Daesh, l'autoproclamato Stato islamico, incubatore e magnete di terrorismo, portatore di una concezione barbara, che strumentalizza l'Islam a meri fini di potere. Guai a sottovalutare il terrorismo sotto ogni profilo, a partire dalla sicurezza interna. Dobbiamo, tuttavia, fare molta attenzione a condurre nel modo giusto, più adeguato, questa battaglia. Per prevalere è essenziale infatti impegnarsi con fermezza e determinazione, senza cedere a reazioni emotive e senza rinunciare ai nostri valori, respingendo le pulsioni islamofobiche e la narrazione dello scontro di civiltà tra Occidente e mondo musulmano". Per Mattarella non è accettabile "l'atteggiamento rassegnato e fatalista che a volte prevale nelle istituzioni multilaterali, nei governi e nelle opinioni pubbliche, di fronte a una strage, a una pulizia etnica, a una repressione per motivi religiosi. Non possiamo rassegnarci all'impotenza, al distacco politico e morale che rischia di classificare come 'normali' e 'ineluttabili' fatti drammatici, che richiedono invece una adeguata reazione morale e politica".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau