VENERDÌ 05 AGOSTO 2016, 11:02, IN TERRIS

SULLE NOMINE RAI L'OMBRA DEL REFERENDUM

Orfini (Pd): "Non penso che ci sia stata la volontà del governo di imporre o condizionare queste scelte. Se però una come Berlinguer ritiene di aver subito un torto, significa che c'è qualcosa di sbagliato

MATTIA SHERIDAN
SULLE NOMINE RAI L'OMBRA DEL REFERENDUM
SULLE NOMINE RAI L'OMBRA DEL REFERENDUM
"Questa storia del cambio di direttori nei tg Rai è tristissima e pacchiana insieme. È chiaro che l'obiettivo era rimuovere Bianca Berlinguer dal tg3". Ci pensa il direttore del Tg La7 Enrico Mentana, utilizzando il suo profilo social, a spiegare cosa sta accadendo in questa calda estate televisiva.  "E' chiaro che i top manager Rai questo obiettivo proprio non se lo erano prefisso - continua il giornalista - tanto è vero che poche settimane fa sono stati presentati i palinsesti della nuova stagione, senza tenere conto di un possibile spazio 'risarcitorio' per lei. Insomma, l'ordine è venuto improvviso e da fuori. In vista del referendum? Direi proprio di... sì. Ma per non farla troppo evidente si è pensato di non sostituire solo lei. Quindi via anche Masi dal tg2, così, per compagnia, per dimostrare alla Commissione di Vigilanza che non è un fatto personale, e politico".

Elucubrazioni? Certo è che Mentana conosce bene i meccanismi di nomine in tv, assunto proprio alla Rai nel 1980 presso la redazione Esteri, passato poi a mediaset e oggi a La7. Fatto sta che le previsioni di cambiamento si sono avverate: il Consiglio di amministrazione Rai ha dato l'ok alle nomine dei direttori dei tg. Ida Colucci è stata promossa al Tg2, dove sostituisce Marcello Masi. Luca Mazzà prende il posto di Bianca Berlinguer al Tg3, mentre Andrea Montanari va al Gr-Radio1 e Nicoletta Manzione assume il comando di Rai Parlamento. Confermati al Tg1 Mario Orfeo e Vincenzo Morgante al TgR. Sei i voti favorevoli. Contrari Arturo Diaconale, Giancarlo Mazzuca e Carlo Freccero.

I senatori del Pd Miguel Gotor e Federico Fornaro si sono poi dimessi dalla commissione di Vigilanza Rai. Le nomine Rai "sono state fatte in modo non trasparente - dicono -, penalizzando competenze e professionalità interne, come ad esempio nel caso di una giornalista autorevole quale Bianca Berlinguer, senza che emergano un profilo e una visione di un moderno servizio pubblico". "Il Pd - aggiungono - non è nato per riprodurre i vizi del passato, ma per cambiare l'Italia e, convinti che un altro Pd sia possibile, ci dissociamo da uno stile e da un costume politico che non ci appartiene".

A leggere tra le parole dei due dimissionari, si rivede il ragionamento di Mentana sula volontà dall'altto di cambiare le cose. "Paragonare le nomine in Rai a epurazioni di stampo berlusconiano, è una sciocchezza. Però dico anche che è lecito criticare chi ha gestito molto male questa vicenda". comemnta a Repubblica, Matteo Orfini del Pd, che premette: "Il governo ha approvato una legge che fornisce a due manager come Campo Dall'Orto e Maggioni il potere di firmare le nomine senza passare dal rapporto con la politica. Una regola giusta, per recidere un malcostume".

"Di solito non parlo delle singole nomine - prosegue quindi -, ma è lecito giudicare il metodo. Ecco, mi ha colpito la tempistica. Queste scelte non mi sembrano frutto di un piano di riorganizzazione dell'offerta giornalistica che anzi è stata invece presentata frettolosamente in consiglio d'amministrazione solo dopo aver deciso le nomine". "Non penso che ci sia stata la volontà del governo di imporre o condizionare queste scelte - afferma quindi Orfini difendendo l'esecutivo -. Le hanno fatte gli amministratori. Se però in un'azienda come la Rai una come Berlinguer ritiene di aver subito un torto, significa che c'è davvero qualcosa di sbagliato. Bianca è una personalità, parla la sua autonomia". Sul referendum, Orfini avverte: "La nostra linea per il Sì è chiara, ma sulla Costituzione non esiste disciplina di partito: no a sanzioni per i dissidenti".

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sparatoria a Bellona, nel casertano
PAURA NEL CASERTANO

Uccide la moglie e spara ai passanti, poi si toglie la vita

Morto suicida il 48enne, guardia giurata, che ha seminato il terrore a Bellona dopo aver assassinato la moglie
Una valanga sulle Alpi
MALTEMPO AL NORD

Tre metri di neve in Val Senales. Pericolo valanghe sulle Alpi

Oltre un centinaio di turisti sono rimasti bloccati a causa della chiusura delle strade che portano a valle
CORIGLIANO CALABRO

Spara al figlio e alla nuora e poi si barrica in casa: arrestato

A finire in manette un uomo di 85 anni. Ignoti i motivi del gesto
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont: "Voglio formare un nuovo governo"

Le "minacce di Madrid" non spaventano l'ex president. "Non capitoliamo davanti all'autoritarismo"
Il presidente della Cei, il cardinal Gualtiero Bassetti
BASSETTI

"La vita non si uccide, non si compra e non si sfrutta"

Testo integrale della prolusione del vescovo di Perugia per l'apertura della sessione invernale del Consiglio episcopale...
Luca Pasquaretta, portavoce della sindaca Appendino
TORINO | MAXISCHERMO A PARCO DORA

Avviso di garanzia per il portavoce della sindaca Appendino

Gli accertamenti sono collegati alla maxi-inchiesta sui fatti di piazza San Carlo
Gianfranco Fini ed Elisabbetta Tulliani
RICICLAGGIO

Chiesto il rinvio a giudizio per Fini e Tulliani

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato di...
Mike Pence
PENCE IN ISRAELE

"Entro il 2019 l'ambasciata a Gerusalemme"

Il vice presidente ha parlato alla Knesset: "Inizi una nuova era di pace"
Scena del film
CINEMA

Un film toglie il velo sull'utero in affitto

Programmazione a Roma de "Il figlio sospeso" del regista Egidio Termine
La sede dell'Onu a Kabul
KABUL

Dipendente Onu sequestrata con il figlio

La donna, di nazionalità afghana, stava accompagnando il figlio a scuola al momento del rapimento
Sonda alla ricerca di asteroidi
RICERCA

Nasa, è caccia agli asteroidi

In estate le sonde americane e giapponesi raggiungeranno i "sassi cosmici" Bennu e Ryugu
Indagano i carabinieri
CAVA DE' TIRRENI

Lite tra coniugi, morta la moglie

Grave il marito. Da chiarire se sia un caso di omicidio-suicidio o un reciproco accoltellamento