LUNEDÌ 04 SETTEMBRE 2017, 15:41, IN TERRIS

Strage del Rapido 904, il giudice va in pensione: il processo d'appello è da rifare

L'iter è stato rinviato a data da destinarsi a seguito del pensionamento del presidente della Corte, come stabilito dalla riforma Orlando. Nell'attentato morirono 16 persone

REDAZIONE
Strage del Rapido 904, il giudice va in pensione: il processo d'appello è da rifare
Strage del Rapido 904, il giudice va in pensione: il processo d'appello è da rifare
Sedici morti (tra i quali 3 bambini) e 267 feriti. Tanto costò, il 23 dicembre 1984, il terribile attentato dinamitardo al convoglio Rapido 904, diretto a Milano dopo essere partito dalla stazione di Napoli Centrale. Un'esplosione tremenda che squarciò la fiancata del treno mentre transitava sulla Direttissima in direzione nord, poco dopo le 19, provocando una strage, considerata un'anticipazione di quelle che saranno le mattanze mafiose dei primi anni '90. Ora, a distanza di 33 anni dall'attacco omicida, il processo d'appello è arrivato a una fase non di stagnamento ma, addirittura, di blocco: il presidente della Corte, infatti, andrà in pensione a ottobre, il che significa far ripartire il processo esattamente da dove si era cominciato. La corte, nell'udienza di oggi, ha infatti stabilito il rinvio a data da destinarsi per consentire il completo svolgimento della nuova istruttoria, che l'attuale collegio giudicante non avrebbe potuto portare avanti a causa dell'imminente pensionamento del giudice.

Rapido 904, appello da rifare


Sarà necessario, quindi, ascoltare nuovamente tutti i testimoni già sentiti in primo grado, ai quali si aggiungeranno le nuove testimonianze che verranno rilasciate da sei boss che era stato deciso di interrogare in appello. Quella che era stato identificato a tutti gli effetti come una strage di mafia, con il coinvolgimento del boss Totò Riina (il quale era stato assolto in primo grado e ora unico imputato), dovrà dunque ripercorrere l'iter processuale d'appello per giungere a conclusione. Durante il maxiprocesso, avviato nel 1985, diverse persone affiliate a cosa nostra furono riconosciute colpevoli della carneficina. In particolare, nel 1987, a ricevere una condanna a due ergastoli fu Giuseppe Calò, noto anche come il "cassiere" di cosa nostra.

Secondo quanto spiegato dalla Corte, il rinvio a data da destinarsi è stato disposto in virtù delle recenti modifiche apportate all'articolo 603 del codice di procedura penale - riforma Orlando - che impongono al giudice, nel caso di appello del pubblico ministero contro una sentenza di proscioglimento, di disporre la riapertura completa dell'istruttoria. Secondo quanto riferito, Totò Riina avrebbe assistito all'udienza in videoconferenza (e in barella), assieme al suo legale, dal carcere di Parma, dove è detenuto.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
MORTE RIINA

La Cei: "Nessun funerale pubblico per il boss"

Lo ha confermato il portavoce, don Maffeis: "Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi"
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont, sull'estradizione si decide il 4 dicembre

Il giudice rinvia al mese prossimo la decisione sul mandato d'arresto europeo. L'ex presidente resta in Belgio
DIFESA DELLA VITA NASCENTE

Aborto: una campagna per informare le donne

La rilancia l'Associazione ProVita proprio mentre a Roma spuntano manifesti sul tema
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"