SABATO 26 GENNAIO 2019, 15:19, IN TERRIS


CAMERA

Stop ai cellulari in classe: la proposta fa discutere

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti: "Credo nel senso di responsabilità dei ragazzi"

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Uso del cellulare tra gli studenti
Uso del cellulare tra gli studenti
N

ei disegni di legge in tema di educazione alla cittadinanza nella scuola primaria e secondaria - il cui esame è iniziato ieri in Commissione Cultura alla Camera - tra le varie proposte divide quella di Forza Italia, prima firmataria Mariastella Gelmini, e quella della Lega, primo firmatario Massimiliano Capitanio, che dispongono l’inibizione dei cellulari nelle classi. Per gli alunni, ma anche per i professori. L’ipotesi - in poche righe - è quella di lasciare i cellulari in presidenza e per le chiamate di emergenza far riferimento alle segreteria. 


Cellulare sì e cellulare no

Una questione vecchia, quella dei cellulari in classe, che viene riproposta per la necessità di regolamentare  un'abitudine consolidata ma difficile da gestire anche per i docenti, sempre più spesso alle prese con la diffusione di video - anche pornografici - girati in classe durante le lezioni.

“Lo spirito del provvedimento non è quello di calare una nuova materia dall’alto di una cattedra – ha dichiarato Massimiliano Capitanio -, ma di condividere alla pari, con insegnanti e genitori, regole del buon vivere comune, che per noi rappresentano valori e impegni ben precisi: rispetto della Costituzione, cittadinanza digitale, ambiente, salute, legalità, contrasto a bullismo e cyberbullismo, volontariato. Sarà un percorso condiviso con tutti, senza bandiere”. La proposta di legge - che è stata già illustrata dai proponenti - verrà integrata con tutte le altre in un unico testo che approderà a febbraio nell’Aula parlamentare.


Il Ministro dice "No"

Sul divieto dei cellulari in classe non è d'accordo il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti: "Credo molto nel senso di responsabilità dei ragazzi - spiega Bussetti - e quindi mi affido al loro buon senso sull'uso consapevole dei device ai fini di un migliore apprendimento. Condanno invece in maniera decisa l'uso per altri fini".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua