MERCOLEDÌ 20 MAGGIO 2015, 009:41, IN TERRIS

STOP DELLA CASSAZIONE AI RICORSI DI POCO VALORE, "CI RALLENTANO"

Decisione rivoluzionaria della Suprema Corte: rigettata una causa da 33 euro. "Violava la ragionevole durata del processo"

FRANCESCO VOLPI
STOP DELLA CASSAZIONE AI RICORSI DI POCO VALORE,
STOP DELLA CASSAZIONE AI RICORSI DI POCO VALORE, "CI RALLENTANO"
La Cassazione si fa giustizia da sola e impone uno stop ai ricorsi civili riguardanti "un valore economico oggettivamente minimo", motivati al solo fine "patrimoniale" e senza avere alcuna connessione "con interessi giuridicamente protetti". Era da tempo che la Suprema Corte chiedeva al Parlamento un filtro che impedisse di "ingolfare" il già congestionato sistema giudiziario ma l'assenza di una risposta da parte del legislatore ha costretto i consiglieri a muoversi da soli rigettando un ricorso da 33 euro con un verdetto "pilota" già diventato punto di riferimento per i giudici di merito. La sentenza è stata scritta personalmente da presidente titolare della terza sezione civile, gesto necessario per far comprendere a tutti che non si tratta di una decisione isolata ma condivisa dall'intero collegio.

Nello specifico i magistrati di piazza Cavour hanno respinto un reclamo per il mancato pagamento di interessi sul capitale per un periodo di 15 giorni per il quale un creditore chiedeva gli fossero pagati, appunto, 33 euro. La Cassazione, oberata da inutili cause seriali come quelle con le quali gli utenti contestano all'Enel di addossargli in bolletta 1,32 di spedizione di francobollo, ha detto "no": cause del genere rallentano il sistema giustizia e l'Italia non può permetterselo con tutto quello che paga di legge Pinto e con tutti i richiami che ci fa l'Europa. Ad avviso della Suprema Corte, dunque, non meritano di essere accolti quei ricorsi - e sono tantissimi, soprattutto nel campo delle esecuzioni forzate - di scarso valore che finiscono solo per alimentare la l'inesorabile lentezza delle cause.

Scrivono gli "ermellini" che "l'interesse a proporre l'azione esecutiva, infatti, quando abbia ad oggetto un credito di natura esclusivamente patrimoniale, nemmeno indirettamente connesso ad interessi giuridicamente protetti di natura non economica, non diversamente dall'interesse che deve sorreggere l'azione di cognizione, non può ricevere tutela giuridica se l'entità del valore economico è oggettivamente minima e quindi tale da giustificare il giudizio di irrilevanza giuridica dell'interesse stesso". In questo modo i supremi giudici hanno, di fatto, sbarrato la strada ai ricorsi per somme di poco rilievo o comunque non rilevanti se confrontate con l'intero capitale che era stato oggetto della controversia, come in questa vicenda nata nel tribunale di Bergamo. Come nel caso in questione, nel quale il creditore era rientrato della somma complessiva di sua spettanza di circa 17mila 855 euro ma, ciononostante, non aveva esitato a iniziare una causa per complessivi 33 euro circa di mancati interessi.

A motivare la loro decisione i supremi giudici spiegano che "poiché la giurisdizione è, notoriamente, risorsa limitata ben può la legge, esplicitamente o implicitamente, limitare il ricorso al giudice per far valere pretese di natura meramente patrimoniale, tenendo anche conto che il numero delle azioni giudiziarie non può non influire, stante la limitatezza delle risorse disponibili, sulla durata ragionevole dei giudizi, che è bene protetto dall'art. 111 della Costituzione e dall'art.6 della Corte di giustizia europea". Con questo verdetto, la Cassazione ha respinto la tesi della difesa del creditore che sosteneva che "nessuna norma autorizza il giudice ad eliminare un credito, qualunque ne sia l'entità".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti