GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015, 18:00, IN TERRIS

SQUINZI: "IL GOVERNO NON SMARRISCA LA DETERMINAZIONE NEL CAMBIARE IL PAESE"

Il presidente di Confindustria: "A volte riemerge la manina antimpresa. L'Europa? Così non mi piace"

AUTORE OSPITE
SQUINZI:
SQUINZI: "IL GOVERNO NON SMARRISCA LA DETERMINAZIONE NEL CAMBIARE IL PAESE"
"Oggi non ho richieste né intendo lamentarmi con il Governo di alcunché". Lo ha detto Giorgio Squinzi esordendo all'assemblea di Confindustria. "All'esecutivo chiedo semplicemente di non smarrire la determinazione perché questa è la condizione necessaria, indispensabile, per cambiare il Paese, e perché i compiti in attesa di soluzione da anni, sono molto, ma molto, impegnativi". Il rappresentante degli industriali italiani ha sottolineato che "qualcosa e non poco si muove e sta cambiando. Le riforme avviate e alcune misure di politica economica adottate testimoniano del lavoro svolto dal Governo e sono una cifra importante anche dell'impegno di Confindustria in favore delle imprese''.

L'invito rivolto alle parti sociali è stato quello di rivendicare "il diritto di essere noi stessi a regolare i nostri rapporti piuttosto che qualcuno proceda per legge". Sul fronte delle regole dei contratti ha detto, invece, che servono "legami più forti e stringenti" tra salari e produttività, e va evitato che "le imprese siano costrette a sommare i costi di due livelli di contrattazione". Squinzi ha riconosciuto che l'attuale governo "pare più attento" anche se "ogni tanti si esercita la manina antimpresa". Tra le misure contestate ci sono il canone sugli imbullonati, la Tasi sull'invenduto, e i reati ambientali ''tanto assurdi che faccio fatica a raccontarli all'estero''. C'è ''un abito mentale diffuso - ha spiegato - che pensa ancora all'imprenditore come nemico della collettività''.

Squinzi ha poi detto che questa "non è l'Europa che mi piace. Siamo diventati il continente della bassa crescita, ci siamo dimenticati dei valori reali. Ci siamo aggrappati con poca lungimiranza a un rigorismo eccessivo, ma la sfida è tutta diversa, è tutta politica e civile". Serve quindi un "colpo d'ala", "un progetto politico e una visione comune" senza di cui l'Europa "non riuscirà a rispondere ai bisogni complessi dei cittadini e delle imprese e lascerà dietro di sé una scia di simboli freddi, burocratici, alimentando solo derive populiste".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"