MERCOLEDÌ 08 LUGLIO 2015, 15:37, IN TERRIS

SPARI IN TRIBUNALE, GIARDIELLO: "VOLEVO SUICIDARMI, POI SONO IMPAZZITO"

L'autore della strage di Milano, interrogato dai Pm: "Quando l'avvocato ha rimesso il mandato volevo farla finita. Poi ho visto Loris Appiani..."

EDITH DRISCOLL
SPARI IN TRIBUNALE, GIARDIELLO:
SPARI IN TRIBUNALE, GIARDIELLO: "VOLEVO SUICIDARMI, POI SONO IMPAZZITO"
"Mi sentivo in un tunnel. Sapevo di dover seguire quella strada. Sapevo quindi bene quello che stavo facendo e mi sentivo in qualche modo costretto a farlo". A parlare è Claudio Giardiello, l'autore degli attacchi al tribunale di Milano dello scorso 9 aprile in cui tre persone sono state uccise, nell'interrogatorio davanti ai Pm bresciani. Quando il suo avvocato ha rinunciato al mandato l'imprenditore, dopo aver pensato al suicidio, si è trasformato in killer. "Quando Rocchetti si è tolto la toga - ha raccontato - allora ho pensato che era il momento giusto di farla finita. Per finire una vita di dolore e di sofferenza, una vita di soprusi, di avidità di persone malvagie. Allora ho preso dalla borsa la pistola ma non so cosa mi è scattato nella testa, in quel momento è stato chiamato un testimone. Dovevano chiamare una delle segretaria e invece il mio avvocato chiama proprio l'avvocato Lorenzo Claris Appiani (una delle tre vittime ndr.) e io sono impazzito. Sono proprio andato fuori di testa".

Gli inquirenti stanno cercando di capire come abbia fatto Giardiello ad entrare in un aula di giustizia armato. "Io sono passato regolarmente dal metal detector mentre la borsa nella quale custodivo la pistola l'ho fatta passare dal Fep - ha detto - lo strumento preposto al controllo degli effetti personali. Ho pensato che se avessero individuato l'arma avrei detto che volevo suicidarmi in Tribunale e avrei spiegato il perché di quella intenzione".

Giardiello ha affermato di non ricordare se ci fossero "guardie poste di vigilanza all'ingresso. Ricordo solo che ce n'era una vicino al metal detector dove sono passato io. Non ho memorizzato dove fossero le altre. Ero un po' agitato e non sono stato a guardare quello che facevano loro. Non ho nemmeno il ricordo di quante fossero effettivamente le guardie di servizio in quel momento. A prescindere dal numero effettivo di guardie in quel momento in servizio, di sicuro nessuno mi ha fermato o mi ha chiesto di fare ulteriori verifiche sulla mia persona o sulla mia borsa. La mia intenzione in quel momento era di suicidarmi all'interno del Tribunale per cui nemmeno avevo interesse a denunciare il possesso dell'arma per poter mettere in pratica la mia intenzione".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud