MARTEDÌ 18 DICEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS

Sicurezza ed accoglienza s'incontrano nei corridoi umanitari

Il 18 dicembre è la Giornata internazionale per i diritti dei migranti. Ecco la strada per tutelare la vita, combattendo la tratta

NICO SPUNTONI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un bimbo con un biglietto che invoca i corridoi umanitari
Un bimbo con un biglietto che invoca i corridoi umanitari
C

ome ogni anno, anche questo 18 dicembre si celebra la Giornata Internazionale del Migrante. La ricorrenza è stata istituita nel 2000 dalle Nazioni Unite in un momento storico in cui era da poco iniziata la grande ondata di migrazioni con cui abbiamo a che fare ancora oggi. L'ingresso nell'era della globalizzazione ha reso consequenziale l'intensificazione della mobilità dei popoli, congiuntamente a quella delle merci e delle informazioni. 


L'esodo di italiani

Lo si è visto, ad esempio, con l'esodo di giovani italiani mandati a studiare con sempre maggiore frequenza nelle università nordeuropee o americane: secondo un rapporto dell'Unesco risalente al 2015, più del 3% della popolazione studentesca nazionale si è iscritta in atenei esteri. E' ragionevole pensare, visto il trend di costante crescita rispetto al 2006 quando la percentuale era ferma all'1%, che questo dato sia ulteriormente progredito. La possibilità di scegliere per i propri figli una formazione ritenuta più completa ed efficace viene considerata una delle opportunità che è stata in grado di offrire la globalizzazione.

 

                         

 


L'altro lato delle migrazioni

L'altro volto della globalizzazione, così lontano eppure così vicino dei voli in low cost dei nostri connazionali che partono alla ricerca di un futuro brillante, è quello costituito dalle migliaia di disperati che affollano i barconi dei viaggi della speranza. Alla base c'è la stessa rivendicazione del diritto ad una migliore prospettiva di vita. Mentre, però, il primo flusso viene visto come un'"opportunità", per il secondo si ragiona in termini di "problema". Ed è inevitabile perché - solo per quello che riguarda la rotta mediterranea - oltre 30mila persone hanno perso la vita nelle acque del "Mare Nostrum" dal 2000 ad oggi. Questi numeri confermano che si è di fronte al più grande dramma dell'epoca contemporanea. Una tragedia che merita rispetto ed attenzione; per questo sarebbe sbagliato liquidare la Giornata Internazionale del Migrante a suon di retorica e slogan paternalistici. 


La difesa della vita umana al primo posto

Occorre chiedersi se davanti ad un dramma di queste proporzioni sia più utile un approccio ideologico o se non sia preferibile, piuttosto, una dose di sano realismo che metta al primo posto la difesa della vita umana. Quest'ultimo, infatti, rimane il principio di riferimento con il quale chiunque è chiamato a confrontarsi per quanto riguarda il fenomeno migratorio. La tutela della dignità umana impone la ricerca di soluzioni per prevenire l'immigrazione illegale e, soprattutto, per debellare quelle che San Giovanni Paolo II chiamava le "iniziative criminali che sfruttano l'espatrio dei clandestini". I diritti della persona vengono costantemente messi in pericolo nelle traversate del deserto, sulle carrette dei mari, a bordo di camion sovraccarichi.

 

                            

 


L'esperienza dei corridoi umanitari

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo sul delicato tema ha ricordato come debbano essere sempre garantite le "condizioni generali di sicurezza e di rispetto della dignità umana". Queste sono anche le linee guida del progetto "Corridoi umanitari" nato con l'intento di consentire a chi scappa da guerre, persecuzioni o carestie di poterlo fare in piena sicurezza e legalità. Si tratta di un'iniziativa pensata e realizzata nel mondo dell'associazionismo cristiano, supportata dall'impegno dei volontari e immune da facili polemiche visto che - essendo autofinanziata - non va a gravare sulle tasche dei contribuenti. Quello dei corridoi umanitari può rappresentare uno di quei "modelli di soluzione concreti e realizzabili" che Papa Francesco ha auspicato per la gestione dei flussi. Un esempio lodevole non solo perché tutela la salute e la dignità dei rifugiati, ma anche perché  colpisce contemporaneamente gli interessi di chi gestisce il business criminale legato al traffico di esseri umani. Tra i benefici che i corridoi umanitari comportano merita di essere menzionato anche il loro risvolto ecumenico: promotori di questo progetto, infatti, non sono soltanto associazioni d'ispirazione cattolica, come la Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi o Sant'Egidio, ma anche comunità protestanti, come la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese. L'impegno umanitario su questo fronte diventa, così, un'occasione di collaborazione proficua tra appartenenti a confessioni differenti. 


La collaborazione con le istituzioni

La realizzazione di questo progetto, inoltre,  richiede un'indispensabile gioco di squadra con le istituzioni, in particolare con i ministeri dell'Interno e degli Affari Esteri. Già dal primo esperimento concretizzatosi nel dicembre del 2017 con l'atterraggio di 162 persone liberate da un campo libico - in prevalenza donne e bambini - si è vista all'opera una piena collaborazione tra associazioni, Unhcr, governo italiano e Cei. Il cambio di esecutivo non ha comportato l'interruzione di questa pratica. Lo si è visto lo scorso novembre quando 51 persone partite dal Niger - individuate tra le più vulnerabili dall'Alto Commissariato delle Nazioni Uniti per i rifugiati - sono sbarcate nell'aeroporto militare di Pratica di Mare, accolte dal ministro dell'Interno Matteo Salvini e da Giovanni Paolo Ramonda e don Aldo Buonaiuto dell'Associazione Papa Giovanni XXIII, promotrice dell'iniziativa. Quella dei corridoi umanitari è una soluzione che convince anche il governo gialloverde; nell'occasione di Pratica di Mare, infatti, il titolare del Viminale ha detto che il suo obiettivo è "spalancare le porte d'Italia a chi scappa dalla guerra", preannunciando, inoltre, che quello sarebbe stato solo "il primo di una serie di aerei”. Proprio domani nello stesso scalo militare in provincia di Roma atterrerà un altro velivolo con a bordo un gruppo di rifugiati provenienti dalla Libia. Sono 105 le persone che arriveranno in Italia in piena sicurezza dal Paese nordafricano, nella quasi totalità donne e bambini. Il corridoio umanitario è promosso dal Viminale e predisposto dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, con il sostegno della Papa Giovanni XXIII che si occuperà dell'accoglienza.


Sicurezza per chi arriva e per chi accoglie

I corridoi umanitari rappresentano una garanzia di sicurezza non solo per i migranti, ma anche per i Paesi che li accolgono dal momento che il principale criterio di selezione consiste nella vulnerabilità. Per questo, la maggioranza delle persone che arrivano in Italia attraverso quest'iniziativa è costituita da famiglie, donne, bambini e malati. Papa Francesco e i suoi predecessori prima di lui, di fronte all'emergenza legata ai flussi migratori, hanno sempre indicato nella cooperazione internazionale la strada da seguire per salvaguardare la vita delle persone e combattere l'illegalità. L'alternativa incarnata dai corridoi umanitari, operando esattamente in questo ambito, concretizza le indicazioni e gli auspici della Chiesa e rimette al centro della scena la tutela della dignità del migrante, proponendosi come un valido strumento per sconfiggere l'immondo traffico di esseri umani. Una risposta concreta ad un problema reale, molto lontana dalla fumosità di chi afferma ripetutamente - quasi in tono compiaciuto - che "le migrazioni non si possono fermare" ma talvolta non utilizza la stessa determinazione per ricordare quanto sia necessario impedire i viaggi della disperazione su camion e barconi. Come ricordava San Giovanni Paolo II, "la necessaria prudenza che la trattazione di una materia così delicata impone non può sconfinare nella reticenza o nell'elusività; anche perché a subirne le conseguenze sono migliaia di persone, vittime di situazioni che sembrano destinate ad aggravarsi, anziché a risolversi".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
Il Papa in visita alla sinagoga di Roma
MONITO PAPALE

“Condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”

Il Papa al Centro Simon Wiesenthal: "La memoria dell’Olocausto per non annientare il futuro"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
RESTAURO

Gli ambulatori delle bambole antiche

Attraverso l'artigianato tornano in vita i ricordi: botteghe specializzate in tutta Italia
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Un momento degli scontri a sud di Tripoli - Foto © Abdullah Doma per AFP
SCONTRI

Libia, fragile cessate il fuoco. L'Ue invita alla calma

Il vertice di Berlino non spegne le ostilità a sud di Tripoli
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern