MERCOLEDÌ 20 MAGGIO 2015, 12:40, IN TERRIS

ISTRUZIONE, RENZI: "IL BLOCCO DEGLI SCRUTINI SAREBBE UN ERRORE"

Il premier a Rtl: "Di cosa si lamentano? Che mettiamo 3 miliardi per l'istruzione?". Il Garante: "Ricevuti i sindacati, non ci saranno stop"

LUCA LA MANTIA
ISTRUZIONE, RENZI:
ISTRUZIONE, RENZI: "IL BLOCCO DEGLI SCRUTINI SAREBBE UN ERRORE"
"Se vogliono fare il blocco degli scrutini hanno tutto il diritto di farlo ma sarebbe un errore clamoroso". Lo ha detto Matteo Renzi intervenendo in diretta su Rtl. Il premier ha chiarito che in ogni caso non sarebbe uno stop vero e proprio ma "un rinvio di qualche giorno. E' una forma di sciopero, ci sono delle regole e noi non faremo niente di meno che rispettoso delle regole. Che poi di cosa si lamentano? Che mettiamo 3 miliardi di euro sulla scuola, che ci saranno meno precari?"

Sulla questione è nuovamente intervenuto il Garante per gli scioperi il quale ha escluso il blocco degli scrutini. L'Autorità, si legge in una nota diffusa in mattinata, "ha ricevuto, da parte delle sigle sindacali Unicobas, Cobas e Usb, le proclamazioni di due giorni di sciopero, da effettuarsi successivamente alla chiusura delle scuole. I predetti sindacati, conformandosi a quanto già dichiarato dall`Autorità, con riferimento all`articolo 3, lettera g, dall`Accordo sulla scuola del 1999, hanno esplicitamente escluso ogni forma di blocco degli scrutini per i cicli terminali del percorso scolastico (esami di terza media, maturità, abilitazioni professionali)". Per quanto riguarda invece le astensioni dagli scrutini delle classi intermedie, l`Autorità di garanzia "si riserva di decidere nei prossimi giorni, poiché sta valutando complessivamente le proclamazioni di sciopero, che stanno via via pervenendo, allo scopo di evitare che l`attuazione delle astensioni, possa produrre, in concreto, una violazione della normativa".

Intanto prosegue la votazione del ddl alla Camera. Questa mattina sono stati approvati gli ultimi due articoli del testo (26 e 27) e sono stati votati gli ordini del giorno. A breve avranno inizio le dichiarazioni di voto finali. Tra gli Odg approvati, quello sulla digitalizzazione (a firma Binetti) che "richiede una piena ed ampia digitalizzazione della scuola" prevedendo anche "una nuova formazione dei docenti", e quello a firma Pini (Lega Nord) che prevede un "divieto in capo ai docenti" di "ingenerare" idee politiche nei ragazzi durante le ore di lezione. In giornata dovrebbe arrivare il via libera definitivo di Montecitorio.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno