SABATO 25 AGOSTO 2018, 20:10, IN TERRIS


NAVE DICIOTTI

Farnesina: l'Albania accoglierà 20 migranti

La Sanità marittima, nel pomeriggio aveva disposto lo sbarco di 16 persone

ANGELA ROSSI
V

enti migranti della nave Diciotti saranno accolti dall'Albania. A comunicarlo è il ministro degli Affari esteri Enzo Moavero Milanesi che ha pubblicato un post sul proflio Twitter della Farnesina nel quale ha ringraziato "l'Albania per la decisione di accogliere 20 profughi della Nave Diciotti. Un segnale di grande solidarietà e amicizia molto apprezzato dall'Italia". 


La decisione della Sanità marittima

Undici donne e cinque uomini lasciano la nave Diciotti della Guardia costiera ormeggiata fa cinque giorni al porto di Catania. Nelle prime ore della mattina erano saliti a bordo medici e ispettori del ministero della salute per una valutazione sanitaria medica e per la verifica dei compiti di profilassi internazionale. A diffondere la notizia dell'immediato sbarco sono state fonti del Viminale che precisano che in questi casi non è necessario il "via libera" del ministero dell'Interno. 


Due sospetti casi di tubercolosi

L'ufficio di Sanità marittima di Catania, ha ordinato lo sbarco dei migranti perché si sospetta che due di loro abbiano la tubercolosi. Ieri il Garante dei detenuti, come riporta l'Agi, aveva sottolineato anche la presenza di gravi casi di scabbia


Emergenza psicologica

Nel frattempo, il presidente della sezione provinciale della Croce Rossa, Stefano Principato, ha affermato che a bordo della nave è "emergenza psicologica". "L'ispezione è stata attivata su richiesta del ministro della Sanità che ha chiesto un controllo sanitario - ha dichiarato Principato -. Ci sono alcuni casi di scabbia e altre patologie diagnosticate, ma sono trattate bene anche perché a bordo della Diciotti c'è del personale qualificato. Come Croce Rossa abbiamo fornito kit igienici, felpe, pantaloni e materassini". 


Terminate le audizioni al Viminale

Intanto, a Roma, è terminata l'audizione negli uffici della Procura della Repubblica, di due funzionari del Viminale nell'ambito dell'inchiesta dei pm di Agrigento sulla vicenda della nave Diciotti. L'atto istruttorio è stato svolto dal procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, che ha lasciato piazzale Clodio senza rilasciare dichiarazioni. Il pm ha ascoltato come testimoni i vertici del Dipartimento delle Libertà civili del Ministero degli Interni, in particolare il capo del dipartimento, prefetto Gerarda Pantalone, ed il suo vice, prefetto Bruno Corda.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista
Corteo Festa del Tricolore a Catania
CATANIA

All'ospedale giovane aggredito da 30 antifascisti

Il 18 stava distribuendo volantini di una comunità giovanile identitaria: rotto uno zigomo
Bambino al rubinetto dell'acqua
GIORNATA MONDIALE DELL€ACQUA

Unicef: "Più bimbi morti per diarrea che per proiettili"

Oltre 4,5 miliardi di persone non usano servizi igienico-sanitari sicuri
Aereo che ha portato Xi a Roma
ACCORDO ITALIA-CINA

Conte e Di Maio difendono la Via della Seta

Premier e vicepremier 5Stelle: "Nuove opportunità". E intanto giungono critiche dal Finantial Times
LORETO

Al via il pellegrinaggio dei giovani dell'Unitalsi

Una delegazione donerà al Papa un simbolo dell'Associazione
La stazione Termini a Roma
STAZIONE TERMINI

Paura in centro a Roma: minaccia i passanti con una pala

Prima aveva tentato di rapinare un'edicolante nella Galleria
Il bus incendiato nel milanese
LA CIRCOLARE

Viminale: stretta sulle patenti degli autisti dei bus

Maggiori controlli e raccordo operativo con le motorizzazioni civili
Cina: la violenta esplosione nell'impianto chimico
CINA

Esplode impianto chimico: 47 morti

Il presidente Xi in visita in Italia: "Massimo sforzo per salvare vite umane"
Il Fronte al-Nusra
ABRUZZO E ALTRE REGIONI

Finanziavano i terroristi: 20 indagati

Le ipotesi investigative sarebbero riconducibili al movimento radicale islamico Al-Nusra
La tendopoli
SAN FERDINANDO

Ancora un rogo: morto un migrante

Incendio nella tendopoli che ospita le persone sgomberate dalla vecchia baraccopoli