DOMENICA 01 DICEMBRE 2019, 23:53, IN TERRIS

WELFARE

Salta il voucher baby sitter

Nel 2020 le neomamme non potranno contare sui contributi annunciati

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Maternità
Maternità
N

iente voucher di 600 euro al mese. E’ saltato il contributo che era stato previsto in precedenza nel caso una donna avesse scelto di rientrare subito al lavoro. Rinviata anche l’entrata in vigore della Carta bimbi da 400 euro per pagare asili, baby sitter e spese connesse alla nascita. “Con la Manovra 2020 sono confermati alcuni bonus per neo mamme, ma cambiano le modalità di accesso- analizza Donna Moderna-. Rinviati, invece, altri provvedimenti che erano stati ipotizzati a sostegno delle madri lavoratrici, per incentivare e soprattutto sostenere le donne che, dopo la maternità, vorrebbero tornare in ufficio. Ma nella giungla di provvedimenti vecchi e nuovi, quali sono davvero utili alle madri? Cosa serve realmente a chi non può contare sull’aiuto prezioso dei nonni o di baby sitter, che però pesano sul bilancio familiare?”. Meno di una famiglia su tre in Italia (il 31% dei nuclei con figli minori) si avvale regolarmente, per almeno uno dei figli, di servizi pubblici o privati come asili nido, scuole materne, ludoteche, baby-sitter o altro. La percentuale è più alta al Nord (34,5%) e al Centro (33,3%), mentre scende nel Mezzogiorno (24,9%), rileva l'Istat in un report su conciliazione tra lavoro e famiglie relativo al 2018, spiegando che 38% delle famiglie conta invece sull'aiuto di familiari e amici per accudire i figli. E in nove casi su dieci a dare il supporto sono i nonni (34,4%). Più bassa la percentuale tra i nuclei del Mezzogiorno (33%), rispetto a quelli del Centro-nord (circa il 40%), per la minore presenza di famiglie in cui la donna è occupata.


Il ricorso ai servizi

Le motivazioni per le quali non si ricorre all'utilizzo dei servizi sono perché troppo costosi (9,6%) oppure assenti o senza posti disponibili (4,4%). In particolare – osserva l'Istat- lamentano costi troppo alti le madri con figli di 0-5 anni (15,6%) e le non occupate (12,9%), le quote più alte per la mancanza dei servizi sono sempre tra le madri di figli in età prescolare (6%) e le residenti nel Mezzogiorno (5,5%). Tra le madri di figli di 0-14 anni che dichiarano di non utilizzare i servizi circa il 15% ne avrebbe bisogno; tale quota sale al 23,2% per chi ha figli tra 0 e 5 anni, a 19,1% tra le non occupate e al 17,5% per le residenti nel Mezzogiorno. Nel dettaglio, puntualizza l'Istat, ricorre all'uso dei servizi quasi il 38% dei nuclei familiari in cui entrambi i partner sono occupati, e nel 24,6% dei casi l'uso dei servizi è affiancato al supporto di parenti o amici. Se è solo l'uomo a essere occupato, invece, il ricorso ai servizi per almeno un figlio riguarda circa il 26% delle coppie e solamente l'8,4% si avvale anche del supporto di parenti o amici. Il ricorso esclusivo all'aiuto di parenti o amici riguarda perlopiù il monogenitore occupato (33,9%) (in più dell'85% dei casi si tratta di donne) e le coppie di occupati (27,3%). La presenza in famiglia di figli in età prescolare comporta un maggior ricorso ai servizi, nella quasi totalità dei casi si tratta dell'utilizzo di asili nido o di scuole materne. Oltre la metà dei nuclei familiari con figlio tra 0 e 5 anni utilizza almeno un servizio (53,3%) e la quota sale al 63,7% nel caso di coppie in cui entrambi i genitori sono occupati. Le quote sono più alte al Centro-nord (circa il 58%) rispetto al Mezzogiorno (44,5%). Inoltre, circa il 6% delle famiglie con figli tra 0 e 14 anni usa il pre o il post scuola; di più al Nord, dove supera l'8%, rispetto al resto del territorio. Ricorre abitualmente alla baby-sitter poco meno del 3% dei nuclei familiari con figli tra 0 e 14 anni, nel caso delle coppie in cui entrambi i genitori sono occupati la quota si avvicina al 5%. I nuclei familiari dove non ci si avvale di servizi né dell'aiuto di familiari sono il 48%, tra questi il 37% dichiara di occuparsi da soli e/o con il partner della cura dei figli e, in poco più del 10% dei casi, di avere figli che non hanno bisogno di servizi perché autosufficienti.


A prescindere dal reddito

Le Legge di Bilancio conferma alcuni contributi per le neomamme, aumentandone l’importo o modificandoli a secondo dai casi. “È confermato per il 2020 il nostro ormai conosciuto Premio Nascita o chiamato anche Bonus Mamme domani da 800 euro. È stato invece allungato il congedo di paternità che sale a 7 giorni. Tra le altre novità c’è il rinforzo del Bonus Nido erogato fino al compimento del 3 anno di vita del minore e utile per pagare la retta del nido (pubblico o privato) o anche un servizio di baby sitter, e questa è  una novità”, spiega Carolina Casolo, ideatrice di Sportello Mamme, una start up nata per dare supporto proprio a chi cerca di orientarsi nel mondo dei bonus. “Finora - afferma Casolo al settimanale diretto da Annalisa Monfreda - era previsto un contributo di 1.500 euro annuali a prescindere dal reddito”. Dal 2020 invece ci saranno nuove casistiche: 1.500 euro con Isee superiore a 40mila euro, 2.500 euro con Isee tra 25mila e 40mila euro. 3.000 euro con Isee sotto 25mila euro. “Questo assegno è stato confermato e rimodulato. Viene erogato sempre per un massimo di 12 mensilità ad una platea maggiore in maniera inversamente proporzionale al valore dell'Isee: è pari a 1.920 euro (come prima) per Isee fino a 7mila euro, mentre scende a 1.440 (ridotto) per Isee da 7 a 40 mila euro.


Assegno di maternità

Sopra i 40mila euro il bonus è di 960 euro. Slitta, infine, al 2021 il tanto atteso Assegno Unico. Si tratta di un assegno previsto per ciascun minore fino al compimento dei 18 anni che rivedrà tutti i contributi attualmente in vigore”, analizza Donna Moderna.  Oltre ai provvedimenti previsti nella Manovra esistono altre misure: l’assegno di maternità dello Stato (fruibile per un massimo di 5 mesi per lavoratrici dipendenti, licenziate o dimesse, o in disoccupazione Naspi, così come per quelle in mobilità o in cassa integrazione, dunque esteso anche alle precarie. Spetta anche alle mamme in gestione separata. Per le disoccupate o casalinghe, invece, è possibile ottenere un contributo comunale, mentre a sostegno delle famiglie a basso reddito sono previsti sconti o riduzioni in bolletta. “Nonostante possa sembrare di disporre di una vasta scelta, possono capitare paradossi come quello di una mamma di Albissola, in Liguria, che ha dovuto rinunciare all’assegno di invalidità che spettava al figlio per poter usufruire dell’Assegno per il nucleo familiare altrimenti, per cumulo di redditi, non ne avrebbe avuto diritto e l’importo per l’invalidità sarebbe stato insufficiente”, precisa  la fondatrice di Sportello Mamme.


Casa-lavoro

Le neomamme nel 2020 non potranno contare sul voucher baby sitter, i 600 euro al mese che erano stati previsti in precedenza nel caso una donna avesse scelto di rientrare subito al lavoro. Rinviata anche l’entrata in vigore della Carta bimbi da 400 euro per pagare asili, baby sitter e spese connesse alla nascita. In generale, la conciliazione dei tempi di lavoro con quelli di vita familiare risulta difficoltosa per più di un terzo degli occupati (35,1%) con responsabilità di cura nei confronti di figli. Ma sono soprattutto le donne ad aver modificato qualche aspetto della propria attività lavorativa per meglio combinare il lavoro con le esigenze di cura dei figli: il 38,3% delle madri occupate, oltre un milione, ha dichiarato di aver apportato un cambiamento, contro poco più di mezzo milione di padri (11,9%). E le diverse dinamiche occupazionali tra madri e donne senza figli, su chi ha un lavoro e chi no, sono più evidenti nel Mezzogiorno (di 16 punti percentuali il divario) e più contenute a Centro e Nord (rispettivamente 11 e 10 punti percentuali). “Ciò che aiuterebbe davvero le madri è piuttosto una reale indennità di maternità, estesa a un anno invece che i 5 mesi attuali, ma retribuita al 100% non al 30%, perché altrimenti le donne sono costrette a tornare in ufficio troppo presto o, se non possono, a rinunciare al lavoro- commenta Donna Moderna-. Ci vorrebbe un welfare statale, non aziendale. Solo le realtà grandi, come possono essere big come Google, sono in grado di attuare politiche di questo genere, mentre le aziende medio-piccole, magari a conduzione familiare, non possono”. La Manovra finanziaria prevede il congedo di paternità a 7 giorni, ma anche in questo caso non è sufficiente: “È stata presentata come novità, soprattutto per dare più rilievo alla figura paterna, ma non bastano 7 giorni - sottolinea il settimanale -. Oggi un padre può godere del periodo obbligatorio di maternità solo se in caso di decesso della madre o se questa non riconosce il figlio. Per stare a casa di più gli uomini possono contare solo sul congedo parentale: sono 11 mesi da dividersi con la madre. Ma nella realtà le famiglie preferiscono che a casa stia la mamma, per non rinunciare allo stipendio pieno –e in genere maggiore del padre”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Rovine a Idlib
LA TRAGEDIA

Siria, raid aerei sulle scuole di Idlib

Strage durante un bombardamento: almeno 25 vittime secondo StC, fra le quali una bimba di 9 anni
Giuseppe Conte e Luca Ceriscioli
CORONAVIRUS

Le Marche chiudono le scuole, il governo impugna l'ordinanza

Provvedimento firmato dal presidente Ceriscioli per via di un caso a Cattolica. Scontro fra Regione ed esecutivo
L'alto rappresentante per gli Affari esteri e la politica di sicurezza dell'Unione europea, Josep Borrell, durante una conferenza stampa a Bruxelles, febbraio 2020 - Foto © AP
BRUXELLES E TRIPOLI

Libia, l'ok dell'Ue alle prove di pace

Dopo le recenti tensioni fra governo e milizie locali, una piccola speranza alla vigilia dei colloqui
Attilio Fontana e Giuseppe Conte
L'EPIDEMIA

Coronavirus, appello all'unità dopo le tensioni

Conte critico sull'ospedale di Codogno, scatena l'ira della Lombardia. Poi l'invito alla calma. Fontana sul virus:...
Regno Unito
L'EPIDEMIA

Regno Unito, quarantena per chi arriva dal Nord Italia

Provveidmenti anche nei Paesi Bassi. Il Kuwait ferma il traffico aereo con il nostro Paese, stop alle gite da Croazia, Grecia e...
Un vigile del fuoco salva un koala dalla foresta in fiamme
SCIENZA

Australia, gli scienziati: "Incendi senza precedenti"

I dati choc su una rivista scientifica: la peggiore in 230 anni di storia coloniale
VITA

La preghiera a Maria che ha commosso tutta Palermo

Scritta nella notte davanti al reparto di Oncologia, racconta della rinascita di una donna dopo il cancro
Il Magic Bus dove Chris McCandless visse gli ultimi mesi della sua vita
LA DISAVVENTURA

Tentano di raggiungere il Magic Bus: tragedia sfiorata in Alaska

Cinque escursionisti italiani soccorsi dopo essersi smarriti sullo Stampede Road: tornavano dal bus di Into the Wild
L'EPIDEMIA

Coronavirus, in Iran altri 3 decessi: sale a 15 il bilancio delle vittime

L'ayatollah Yussef Sanei ha invitato a evitare le moschee nel nome della Sharia e del buon senso
Hosni Mubarak, ex presidente dell'Egitto, assiste a una cerimonia davanti al monumento del Milite Ignoto a Mosca, 2008 - Foto © Misha Japaridze per AP
EGITTO

È morto Mubarak, il leader deposto dalla Primavera Araba

Protagonista della ricrescita economica dell'Egitto, dal 2011 ebbe numerosi processi
Il Premier Conte all'arrivo presso la sede della Protezione CIvile
SUMMIT ALLA PROTEZIONE CIVILE

Conte sul Coronavirus: "No a drammatizzazioni o allarmismi"

Il Premier: "Protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso"
Un frame della trasmissione Storie Italiane andata in onda il 25 febbraio - Foto © Rai
STORIE ITALIANE

Coronavirus, Don Buonaiuto: "La responsabilità miglior antidoto"

Ospite della trasmissione Rai, il sacerdote ha fatto appello alla solidarietà nell'emergenza. Forti le sue parole sul...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, negli Usa vaccino sperimentale pronto per i test

La sperimentazione clinica dovrebbe iniziare entro la fine di aprile su circa 20-25 volontari sani
Dia
DDA REGGIO CALABRIA

'Ndrangheta: chiesto l'arresto per un senatore di Forza Italia

Legami con la cosca "Alvaro" di Sinopoli: 65 arresti tra cui un consigliere regionale
Migrante
AMERICA LATINA

Al via la campagna quaresimale della Fraternità 2020

Aiuto ai migranti, difesa della vita e riconciliazione nazionale i temi centrali
IMPRESE

Così l'Italia inventa vie d'uscita dalla crisi

Boom di brevetti industriali. Tre regioni creano il 60% delle innovazioni produttive di tutta Europa