GIOVEDÌ 09 MARZO 2017, 15:15, IN TERRIS

Riforme, Zagrebelsky: "Un'intesa con Berlusconi si può fare e non sarebbe un inciucio"

L'ex presidente della Consulta alla Stampa: "La democrazia è il regime del compromesso". Crisi Pd: "Se Renzi vince il partito rischia di cadere nella fossa"

AUTORE OSPITE
Riforme, Zagrebelsky:
Riforme, Zagrebelsky: "Un'intesa con Berlusconi si può fare e non sarebbe un inciucio"
Un'intesa con Silvio Berlusconi sulle riforme, dopo la vittoria del No al referendum costituzionale, "si può fare" e non sarebbe necessariamente "un inciucio", come avvenne con il Patto del Nazareno. Lo dice alla Stampa l'ex presidente della Corte Costituzionale, Gustavo Zagrebelsky, tra i maggiori e più autorevoli oppositori della riforma Renzi-Boschi, affossata dall'elettorato il 4 dicembre. Del resto, ricorda, "la democrazia è il regime del compromesso. E questo non lo dico io ma il grande giurista Hans Kelsen". Certo, chiarisce, "il punto è: compromessi con chi, con quali contenuti, in vista di che cosa". In ogni caso "non ogni compromesso è, come si dice, inciucio".

Nell'intervista Zagrebelsky parla di un Matteo Renzi "sfibrato e sempre più isolato, vittima d'una certa viltà di coloro che gli sono stati intorno non senza adulazioni e connessi benefici e ora, nella difficoltà, lo stanno abbandonando. Soltanto per questo, merita simpatia". E il Partito democratico, aggiunge il giurista, "corre un gran rischio. Se Renzi, malgrado ciò che sta accadendo, vince le primarie, è altissimo il rischio che il partito cada nella fossa, perda definitivamente la sua identità".

Bastone e carota, invece, per il Movimento 5 Stelle. "Non mi piace l'ostracismo nei loro confronti - spiega -. Nello stesso tempo, pur apprezzando lo spirito di novità che portano nella vita politica, non mi piacciono i settarismi, i riti inquisitoriali che portano alle espulsioni e l'indisponibilità a cercare accordi, mediazioni". Il partito fondato da Grillo "in assenza di responsabilità nazionale potrà ancora gonfiarsi di voti protestatari. Ma attenzione: nella protesta possono confluire cose d'ogni genere, anche contraddittorie e pericolose. La diffidenza reciproca con coloro che potrebbero contribuire a costruire un gruppo dirigente all'altezza della situazione non è un buon viatico verso il governo". L'importante, conclude, è sapersi "mettere in gioco". E' proprio questo "il problema della democrazia nel nostro Paese"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni