VENERDÌ 23 SETTEMBRE 2016, 16:15, IN TERRIS

RICOSTRUZIONE DOPO IL SISMA, ERRANI: "TRASPARENZA E LEGALITA' LE PAROLE CHIAVE"

Il commissario straordinario: "Tutte le imprese interessate dovranno essere iscritte a liste di merito. In quei comuni nessuno rischierà più la vita"

AUTORE OSPITE
RICOSTRUZIONE DOPO IL SISMA, ERRANI:
RICOSTRUZIONE DOPO IL SISMA, ERRANI: "TRASPARENZA E LEGALITA' LE PAROLE CHIAVE"
"Parole chiave per la ricostruzione saranno legalità e trasparenza. Vogliamo partire dalle pratiche più innovative: modello Expo, collaborazione con l'Anac, liste di merito per le imprese e dobbiamo dare l'idea che è possibile ricostruire in un Paese senza deroghe". Lo ha detto il commissario alla ricostruzione Vasco Errani, nella conferenza stampa a Palazzo Chigi, a un mese dal terremoto in Centro Italia. "Tutte le imprese che lavoreranno per la ricostruzione dovranno essere iscritte a liste di merito - ha spiegato -. Le stazioni appaltanti saranno solo le quattro Regioni e ci sarà un'unica stazione di committenza. Questo per avere un pieno controllo e una piena trasparenza"; ci sarà "un open data per verificare e controllare il percorso di ricostruzione. Dobbiamo uscire dalla logica emergenziale e programmare la qualità e la bellezza dei luoghi", ha concluso.

La ricostruzione, ha aggiunto, sarà fatta "nel miglioramento e nell'adeguamento sismico che assicuri che con un 6.0 non ci siano crolli e in quei comuni non si rischierà più la vita". Ruolo fondamentale avranno i presidenti delle Regioni che verranno nominati "vicecommissari": Gli uffici per la ricostruzione saranno composti da "Comuni e Regioni". Perché "la collaborazione istituzionale è fondamentale".

Nel ricostruire "vogliamo rispettare l'identità, le comunità e i luoghi, riattivando subito l'economia e il lavoro. Quando avremo ricostruito vogliamo che le persone abbiano una prospettiva sicura. Ci sarà un contributo immediato alle imprese, una specie di prestito d'onore. Dobbiamo fare in modo che anche i negozi stiano aperti, non vadano via". Tantissime sono state le donazioni, che hanno raggiunto, con gli sms "15 milioni di euro, superando il terremoto dell'Emilia". Per gestirle, ha concluso, sarà creato un "open data"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano
Monsignor Lorenzo Leuzzi
VESCOVI

Monsignor Leuzzi trasferito a Teramo

Nominati ausiliari a Roma don Paolo Ricciardi e padre Daniele Libanori