LUNEDÌ 06 APRILE 2015, 10:00, IN TERRIS

RENZI GUARDA AL FUTURO: RIMPASTO O VOTO NEL 2016

L'arrivo di Delrio al Mit ha cambiato gli equilibri. La tentazione urne è sempre più forte

FRANCESCO VOLPI
RENZI GUARDA AL FUTURO: RIMPASTO O VOTO NEL 2016
RENZI GUARDA AL FUTURO: RIMPASTO O VOTO NEL 2016
La gestione del caso Lupi e l'arrivo di Graziano Delrio al ministero delle Infrastrutture hanno cambiato gli equilibri all'interno della maggioranza con la componente Pd che cresce a danno di quella centrista. Nei prossimi giorni il premier incontrerà Angelino Alfano per stabilire come compensare Ncd della perdita del Mit. L'unica casella libera è quella degli Affari Regionali ma l'idea non affascina il ministro dell'Interno né Gaetano Quagliariello, candidato numero uno per sostituire la Lanzetta. Matteo Renzi sta ragionando su come muoversi.

La minoranza Pd teme che la strada imboccata dal capo del governo porti dritta alle urne. Renzi pubblicamente ha sempre smentito questo scenario, ribadendo che la sua legislatura durerà sino al 2018. Ma, incassata la legge elettorale - che il 27 aprile approderà nell'Aula della Camera - potrebbe cambiare idea. I sondaggi danno i dem in crescita e con il sistema dei capilista bloccati il premier potrebbe creare un monocolore composto da fedelissimi, sostenuto, per di più, da una maggioranza formata per la gran parte da parlamentari scelti dalla segreteria di partito. In questo modo avrebbe le mani libere per portare avanti il processo riformatore, sfruttando anche la nuova Costituzione che prevede procedure più snelle e veloci per l'approvazione delle leggi.

Fondamentali saranno le prossime amministrative e regionali che consentiranno a Renzi di avere un quadro più chiaro sul peso politico del Pd. L'altra strada percorribile resta quella del rimpasto, cui il capo del governo sta pensando da quando si è insediato a palazzo Chigi. Delrio al Mit è un passo in avanti in questo senso anche se il presidente del Consiglio lo avrebbe preferito in un primo momento all'Economia al posto dell'indigesto Padoan. Ma l'attuale numero uno di via XX settembre gode del sostegno dell'Europa ed è quindi inamovibile. In ogni caso Renzi potrebbe inaugurare un valzer di poltrone, soprattutto se Ncd dovesse risultare ancor più indebolito dalle prossime elezioni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Spiaggia sul Tevere
IL PROGETTO

Tevere, una spiaggia a Ponte Marconi

La sindaca Raggi lo annuncia in Campidoglio: "Lido entro l'estate 2018"
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Vladimir Putin
RUSSIA

Putin, un fiume in piena

Elezioni, economia e politica estera i temi affrontati in oltre 3 ore di conferenza stampa
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori