SABATO 04 APRILE 2015, 10:00, IN TERRIS

RENZI DA' IL VIA AL VALZER DI CANDIDATI PER IL DOPO DELRIO

Per il posto di sottosegretario alla presidenza del Consiglio sono in corsa Rosato, Fedeli e De Vincenti

DANIELE VICE
RENZI DA' IL VIA AL VALZER DI CANDIDATI PER IL DOPO DELRIO
RENZI DA' IL VIA AL VALZER DI CANDIDATI PER IL DOPO DELRIO
Graziano Delrio è il nuovo ministro delle Infrastrutture e dei trasporti ma per Matteo Renzi il lavoro non è finito. Dopo l'approdo al Mit del suo fedelissimo si è aperta la corsa per l'ambita poltrona di sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Una partita che il premier vorrebbe chiudere entro la prossima settimana ma su cui Ncd continua a prendere tempo. Decisivo potrebbe essere il Consiglio dei ministri di martedì prossimo quando sarà avviato l'esame del documento del Def.

Quella per la successione di Delrio è diventata una gara a tre, i candidati più probabili sarebbero Ettore Rosato, Valeria Fedeli e Claudio De Vincenti. Il ragionamento del segretario Pd, viene spiegato, sarebbe quello di concentrarsi sul profilo dei concorrenti, uscendo dalla logica che ha ridotto questa discussione (e le altre simili) alla questione del peso del giglio magico dentro al governo. Non a caso il curriculum dei tre pretendenti è molto specifico e differente (De Vincenti più tecnico, Rosato più politico e Fedeli forte del suo 'background' sindacale). Mano a mano sono state escluse via via le soluzioni più scontate come Luca Lotti o anche Antonella Manzione. A proposito della responsabile del Dagl, si era fatto il suo nome come possibile nuovo segretario generale di Chigi.

Anche questa, però, è una partita rinviata: se Mauro Bonaretti seguirà Delrio al Mit, il suo successore verrà cercato in armonia con il nuovo sottosegretario alla presidenza. In queste ore, comunque, si è fatto il nome di Paolo Aquilanti, capo dipartimento alle Riforme. Resta, infine, in stand by la questione del ministro dell'Ncd. Il partito di Angelino Alfano è alle prese con una serrata discussione interna. Ieri ci sarebbero state scintille tra Gaetano Quagliariello e Nunzia De Girolamo. Alfano ha rinviato tutto a dopo Pasqua: una assemblea del gruppo alla Camera da tenere probabilmente giovedì potrebbe chiarire la situazione. "Ma non andremo troppo in là, non fino alle regionali, altrimenti sarebbe dannoso per anche noi" fanno sapere dal partito centrista.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
Papa Francesco in piazza San Pietro
PAPA FRANCESCO

"Educhiamo i giovani all'arte del dialogo"

Ricevuti gli ambasciatori di Yemen, Nuova Zelanda, Swaziland, Azerbaijan, Ciad, Liechtenstein e India presso la Santa Sede