DOMENICA 11 OTTOBRE 2015, 000:29, IN TERRIS

RENZI ALL’ASSEMBLEA DI UNINDUSTRIA: "NON MOLLO, MI FACCIO MANDARE VIA”

Le promesse agli imprenditori: “Via Imu e Tasi, sgravi alle aziende, più libertà dal patto per i Comuni”

MILENA CASTIGLI
RENZI ALL’ASSEMBLEA DI UNINDUSTRIA:
RENZI ALL’ASSEMBLEA DI UNINDUSTRIA: "NON MOLLO, MI FACCIO MANDARE VIA”
Circa 3000 imprenditori alle “Bandie” di Spresiano hanno applaudito l’intervento del premier Matteo Renzi giunto a Treviso per la chiusura dell’assemblea annuale di Unindustria. Molte le promesse fatte dinanzi alla platea di industriali atte a far ripartire l’economia. Spiccano gli incentivi per le imprese che investono in Italia per ampliarsi: “Chi nel 2016 investirà in beni strumentali della propria azienda – annuncia Renzi - avrà la possibilità di portare in ammortamento non il 100% ma il 140%. Varrà per un anno solo”. Poi l’eliminazione totale di Imu e Tasi per tutti i proprietari di una prima casa e novità anche per i comuni che, dal 1 gennaio 2016, potranno tagliare dai limiti del patto di stabilità tutte le voci riferite ad avanzo di amministrazione alla voce “investimenti”.

“L’Italia deve tornare ad essere leader e player internazionale”, ha affermato Renzi in merito al caso Eni. “L’intervento dell’Eni in Egitto – ha proseguito il premier riferendosi alle ultime scoperte del gruppo petrolifero nel Paese nordafricano - non è solo gas, non è solo un campo, è un pezzo della strategia del Paese. L’Italia nei prossimi venti anni in Africa dovrà essere leader, non solo in Libia ma in tutto il continente”.

Una rapida “sburocratizzazione” è quanto promette l’ex sindaco di Firenze in risposta alle parole di Maria Cristina Piovesana, presidente di Unindustria Treviso, che aveva auspicato un “patto tra imprese e pubblica amministrazione” riportando due dati eclatanti: una settimana al mese persa per scartoffie da un imprenditore medio e l’Italia al 56° posto nel mondo per facilità di fare impresa.

A conclusione del discorso, il premier si è auto complimentato per le riforme in dirittura d’arrivo - “L’anno scorso tutti mi dicevano che non sarei riuscito a fare nulla... e invece...ecco qui le riforme, il jobs Act, uno Stato più forte” – e ha fatto un caloroso complimento alla città ospitante che gli è valso un lunghissimo applauso: “A quanti si chiedono se l’Italia possa puntare alla leadership economica e culturale - ha detto - se conoscessero la provincia di Treviso non si farebbero questa domanda... perché la provincia di Treviso è meglio della Germania”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"
DIRITTO DI REPLICA

Annullato l'arresto per il sindaco Caliandro

Il primo cittadino di Villa Castelli era stato coivolto in un'inchiesta su presunte tangenti
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo