LUNEDÌ 14 NOVEMBRE 2016, 009:59, IN TERRIS

Referendum costituzionale, Renzi: "E' antisistema solo chi vota Sì"

Il premier a Radio Montecarlo: "Il quesito? Volevamo lo spacchettamento ma le leggi lo impediscono"

DANIELE VICE
Referendum costituzionale, Renzi:
Referendum costituzionale, Renzi: "E' antisistema solo chi vota Sì"
"La costituzione e le leggi ce lo impediscono ma noi avremmo avuto tutto l'interesse a spacchettare, più vai sul quesito, più la gente è favorevole". Lo ha detto Matteo Renzi, a Radio Montecarlo. "Se vince il Sì - ha aggiunto il premier - ci sono meno posti della politica e la politica si semplifica, se vince il No per la politica resteranno l'instabilità, gli inciuci, gli accordicchi". Il segretario del Pd si è poi chiesto: "Al referendum chi è l'antisistema? Chi difende i rimborsi dei consiglieri, i super stupendi dei senatori, i professoroni che con una superpensione criticano la riforma o un gruppo di persone che provano a cambiare il Paese? Io ho 41 anni, non rappresento il sistema, lo sono quelli che per 30 anni potevano cambiare e se ne sono allegramente disinteressati e ora sono tornati più per tornare al potere che per altro".

Alla fatidica domanda del cosa farà se vince il No al referendum, ha risposto: "Vince il Sì, così la smettiamo di parlare di cosa faccio...Mettiamola così: io ho 42 anni, considero un privilegio aver servito il Paese per due anni, se devo stare in Parlamento a galleggiare non sono adatto, posso farlo solo se posso cambiare il Paese. Chi vota No per antipatia rifletta, il voto non è un dispetto a me".

Renzi ha assicurato che "sulle pensioni minime è tutto confermato: la minima sotto i mille euro nel 2017 aumenta dai 30 ai 50 euro netti euro mensili". E poi ha aggiunto: "Da quando sono premier le tasse hanno cominciato a scendere ma sono d'accordo che è ancora troppo poco".

Il premier ha infine ribadito la linea di governo nei rapporti con Bruxelles: "Non so se l'Ue non si fida ma se è così glielo spieghiamo bene: utilizzeremo tutto quello che serve per mettere a posto le scuole e poi gli amici dell'Ue sappiano che l'Italia smette di fare il salvadanaio. O l'Ue cambia linea, a partire dalla questione dei migranti, oppure noi mettiamo il veto sul bilancio".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
Piazza Fontana
STRAGE DI PIAZZA FONTANA| ANNIVERSARIO

Mattarella:
"Cercare la verità"

Il capo dello Stato ricorda le vittime dell'attentato che aprì la stagione degli "anni di Piombo"
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani