LUNEDÌ 15 APRILE 2019, 16:08, IN TERRIS

Radio Radicale si sta per spegnere

Crimi conferma l'intento del governo. Solidarietà bipartisan alla storica emittente

GIACOMO DE SENA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Radio Radicale
Radio Radicale
D

opo quarantatré anni di emittenza, spesso spregiudicata e sopra le righe, Radio Radicale è vicina alla chiusura. Sulla storica emittente fondata da un gruppo di militanti radicali pende la decisione del governo giallo-verde di non voler rinnovare la concessione a trasmettere le sedute del Parlamento.


Crimi: "25 anni senza gara"

Decisione che è stata confermata oggi da Vito Crimi, sottosegretario all'Editoria, interpellato sul tema al suo arrivo a un convegno sull'informazione locale a Milano. "La posizione è molto chiara: l'intenzione del Governo, mia e del Mise è di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale". L'esponente del M5s ha quindi precisato che "nessuno ce l'ha con Radio Radicale o vuole la sua chiusura" ma "sta nella libertà del governo farlo" ha detto Crimi, affermando che l'emittente "ha svolto da 25 anni un servizio senza alcun tipo di gara e valutazione dell'effettivo valore di quel servizio". La convenzione prevede l'impegno da parte della concessionaria a trasmettere, nell'orario tra le ore 8.00 e le ore 21.00, almeno il 60% del numero annuo complessivo di ore dedicate dalle Camere alle sedute d'aula.


Solidarietà bipartisan

Nonostante negli anni ci siano state anche voci di chi ritiene che finanziare Radio Radicale sia uno sperpero di denaro pubblico, dal momento che la messa in onda delle sedute parlamentari è già assicurata dalla Rai attraverso la rete GrParlamento, in queste settimane si sono levate voci di solidarietà bipartisan. Sulla questione è intervenuta anche Elisabetta Casellati, presidente del Senato. "La voce di Radio Radicale non può essere spenta - afferma -. Non si può cancellare uno strumento prezioso che per oltre 40 anni ha garantito al nostro Paese un'informazione libera, trasversale, corretta ed estremamente preziosa, svolgendo di fatto la funzione di servizio pubblico del quale hanno potuto usufruire generazioni di italiani". "Sarebbe una decisione grave sulla quale a mio avviso si dovrebbe riflettere ancora. In democrazia si deve puntare a rafforzare il pluralismo dell'informazione. Non a limitarlo", ha aggiunto il Presidente Casellati. Enza Bruno Bossio, depuata del Pd, si chiede "perché non ha il coraggio di indire la gara, visto che ne ha la competenza?". L'esponente Dem quindi aggiunge: "La verità è che il governo vuole solo che una voce autorevole, libera e dalla specchiata funzione informativa possa interrompere i suoi servizi per la collettività". Sugli scudi Fratelli d'Italia, il cui esponente Federico Mollicone spiega: "Abbiamo presentato una mozione in entrambi i rami del Parlamento e siamo pronti alla battaglia d’aula fra Camera e Senato".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore