MARTEDÌ 21 LUGLIO 2015, 12:00, IN TERRIS

PROTESTE ANTI MIGRANTI, RIMOSSO IL PREFETTO DI TREVISO

Decisione presa dopo un vertice Renzi-Alfano. Il ministro: "Verrà sostituito nel prossimo Consiglio dei ministri".

LUCA LA MANTIA
PROTESTE ANTI MIGRANTI, RIMOSSO IL PREFETTO DI TREVISO
PROTESTE ANTI MIGRANTI, RIMOSSO IL PREFETTO DI TREVISO
Salta il prefetto di Treviso dopo le proteste dei cittadini contro l'arrivo di 101 migranti andate in scena giovedì. La decisione è stata presa all'esito di un faccia a faccia a Palazzo Chigi tra Matteo Renzi e Angelino Alfano e dovrà essere ratificata dal Consiglio dei ministri. Il responsabile del Viminale, da Bruxelles, ha spiegato che sul fronte dell'immigrazione "dove dovevamo dare come amministrazione la prova di fare il massimo interverremo, per esempio, al prossimo Cdm sostituirò il prefetto di Treviso".

La notizia era già nell'aria, se è vero che il sindaco Dem del capoluogo della Marca, Giovanni Manildo, sentitosi venerdì al telefono con Renzi, ha confermato di essere stato messo al corrente di questa intenzione. "Noi stiamo facendo un grande sforzo di accoglienza" nei confronti dei migranti, ha sottolineato Alfano al termine del Consiglio Ue affari interni. "Io mi chiedo, rispetto ad alcuni disguidi verificatisi in alcune realtà del Veneto - ha aggiunto il ministro - quanto saremmo stati agevolati dalla partecipazione e cooperazione delle regioni e altri enti locali".

Il caso di Quinto di Treviso, con le violente proteste dei residenti sabato scorso, spalleggiati da rappresentanti di Forza Nuova, aveva infuocato il clima già caldo in Veneto per le rivolte contro l'accoglienza scattate in altri centri della regione, da Eraclea a Portogruaro, nel veneziano, da Avesa (Verona) a Padova, con la tendopoli dell'ex caserma Prandina. Ma dove la situazione era apparsa sfuggire di mano alle autorità è stato a Quinto. Di fronte al clima incandescente creatosi davanti al residence trevigiano, la prima reazione della Prefettura era stata dura, i profughi - si disse - non potevano "che rimanere dove stanno". Salvo poi, sotto la pressione dei sindaci trevigiani e del governatore Luca Zaia, decidere due giorni dopo il loro trasferimento nella ex caserma "Serena", vicino a Casier (Treviso), dove si trovano tuttora. Dal prefetto, finora, nessuna reazione dall'annuncio di Alfano.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superificie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini