LUNEDÌ 04 MAGGIO 2015, 009:31, IN TERRIS

PRODI PUNGE RENZI: "I GRANDI LEADER CERCANO IL CONFRONTO"

L'ex leader dell'Ulivo a "che Tempo che fa": "Nel 2012 120 tiratori franchi. Chi erano? Mistero italiano"

FRANCESCO VOLPI
PRODI PUNGE RENZI:
PRODI PUNGE RENZI: "I GRANDI LEADER CERCANO IL CONFRONTO"
"Nella mia vita politica ho conosciuto molti leader e quelli che mi hanno sempre colpito sono coloro che dopo una accurata analisi e dopo consultazioni, tenendo conto di tutte le realtà, dicevano di sì o di no. E poi, solo dopo, decidevano. Come Helmut Kohl. Ma guai alla decisione che precede l'analisi, in quel caso è un colpo di cocciutaggine". Romano Prodi sceglie il salotto di "Che tempo che fa" per spedire quello che sembra un chiaro messaggio a Matteo Renzi. Lo fa dopo la stretta di mano pacificatrice di Milano, occasione nella quale ha riconosciuto l'importante ruolo avuto dal premier in Expo. "Tutto è bene quel che finisce bene", commenta il professore ricordano l'episodio, arrivato a due anni dai veleni della corsa al Colle.

Allora i tiratori franchi affondarono l'ex leader dell'Ulivo e sulla graticola (nel ruolo di presunto deus ex machina) finì proprio Renzi. Oggi Prodi prova a scherzarci su: "101? No, erano almeno 120 visto che avevo capito che avrei avuto 15-20 voti fuori dal Pd. Chi erano? Nessuno lo sa. E' l'unico segreto italiano...". In questi giorni l'ex capo del governo sta presentando il suo ultimo libro: "Missione incompiuta", dedicato al suo Ulivo. Prodi la ricorda come un'avventura snella nelle gambe e nel programma ma che si è appesantita nel tempo a causa delle troppe anime presenti. "E' stato un grande momento - spiega - che la gente lo ricordi. Ma il mondo è cambiato - avverte - e ognuno va per la strada".

Il momento storico parla di un Nord Africa in fiamme e della tragedia degli immigrati. Prodi avrebbe voluto il ruolo di mediatore in Libia che gli è stato negato. "Non capirò mai il perché della guerra in Libia" dice chiamando in causa Berlusconi e Sarkozy: "o l'uno o l'altro o tutti e due forse posero il veto". "Il mio nome era stato proposto nel 2011 da 25 capi di Stato africani e Ban ki moon rispose perfetto e disse che bisognava sentire i paesi interessati. Non arrivò alcuna risposta, Sarkozy o Berlusconi o tutte e due posero il veto".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"