MERCOLEDÌ 19 OTTOBRE 2016, 16:15, IN TERRIS

Processo Mediatrade: Berlusconi jr e Confalonieri assolti in Cassazione

La Suprema Corte ha annullato senza rinvio le condanne emesse a marzo dalla corte d'Appello di Milano

AUTORE OSPITE
Processo Mediatrade: Berlusconi jr e Confalonieri assolti in Cassazione
Processo Mediatrade: Berlusconi jr e Confalonieri assolti in Cassazione
La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio le condanne per frode fiscale su diritti televisivi ad un anno e due mesi di reclusione emesse dalla Corte di appello di Milano lo scorso marzo nei confronti di Piersilvio Berlusconi e Fedele Confalonieri, vicepresidente e presidente di Mediaset, nel processo Mediatrade. In base a quanto appreso da fonti della difesa, le condanne sono state annullate perché il fatto non costituisce reato.

In una nota nota Mediaset esprime "soddisfazione" per la sentenza e secondo la società il verdetto "ristabilisce la verità annullando la sentenza di Appello del processo Mediatrade, sentenza che aveva ribaltato il verdetto di Primo grado del tribunale di Milano". Mediaset ricorda "che in primo grado Fedele Confalonieri e Pier Silvio Berlusconi erano stati assolti da tutte le accuse con una sentenza che era stata emessa al termine di un lungo e approfondito dibattimento durato più di tre anni: con la decisione di oggi - conclude Mediaset - la sentenza originaria viene di fatto confermata dalla Corte di Cassazione".

A breve sarebbe maturata la prescrizione per il processo Mediatrade. Secondo la sentenza di condanna emessa in Appello i vertici di Mediaset si sarebbero sottratti "consapevolmente dall'esercitare i poteri-doveri di controllo (e gestione) attribuiti dalla legge al ruolo rivestito", "non solo accettando il rischio" ma "persino apertamente" perseguendo "l'effetto, univoco e fisiologico, dell'evasione fiscale". E questa "è l'unica chiave di lettura possibile delle loro condotte". La Corte d'Appello aveva invece confermato le assoluzioni stabilite in primo grado per gli altri sei imputati: per il produttore statunitense Frank Agrama, gli ex manager Gabrielle Ballabio, Daniele Lorenzano e Giovanni Stabilini e per le due cittadine di Hong Kong, Paddy Chan Mei-You e Catherine Hsu May-Chun.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano
Monsignor Lorenzo Leuzzi
VESCOVI

Monsignor Leuzzi trasferito a Teramo

Nominati ausiliari a Roma don Paolo Ricciardi e padre Daniele Libanori