MARTEDÌ 06 GIUGNO 2017, 18:22, IN TERRIS

Privacy a rischio su internet, Soro: "I giganti del web condizionano gli utenti"

Il Garante lancia l'allarme sulla pedopornografia: "Nel 2016 censite 2 milioni di immagini di minori"

REDAZIONE
Privacy a rischio su internet, Soro:
Privacy a rischio su internet, Soro: "I giganti del web condizionano gli utenti"
Tutelare la privacy nell'era del web 2.0 è un'operazione sempre più difficile. Nell'universo digitale, in cui gli algoritmi ci "profilano", ci rendono "omologati e omologanti", arrivando ad "annullare l'unicità della persona" e trasformandola in una "cifra per Big Data", o ci "recensiscono" fino a creare banche dati della reputazione, la riservatezza si conferma un "presidio" essenziale, sottolinea con forza il Garante Antonello Soro, che nella Relazione annuale al Parlamento evidenzia i rischi sempre nuovi per la libertà e la democrazia.

Nella Sala della Regina alla Camera, davanti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e alla presidente della Camera, Laura Boldrini, Soro entra dritto nel cuore delle cronache di questi giorni per ricordare innanzi tutto che la tutela della privacy è "indispensabile" nella lotta al terrorismo, "per rendere le attività di contrasto più risolutive, perché meno massive e quindi orientate su più congrui bersagli" e far sì che su questo fronte "siamo più efficaci, non meno liberi". Poi punta il dito sui "grandi fratelli che governano la rete", quei giganti del web che dispongono "di tutti i mezzi per indirizzare la propria influenza verso ciascuno di noi, con la conseguenza che, un numero sempre più grande di persone - tendenzialmente l'umanità intera - potrà subire condizionamenti decisivi". Uno strapotere al quale non bisogna rassegnarsi, è il monito della Boldrini, che cita una recente intervista di Franco Bernabè per sottolineare che "Google, Apple Facebook e Microsoft, insieme, hanno una capitalizzazione di borsa equivalente al Pil della Francia", "sono più potenti dei governi" e godono di "fatturati stratosferici": di qui il richiamo forte all'assunzione di "responsabilità", sul piano "fiscale", "lasciando risorse nei Paesi in cui fanno così lauti profitti", ma anche "editoriale".

Una responsabilità alla quale sono chiamate anche le aziende, che nel 2016 hanno subito danni per 9 miliardi dagli attacchi informatici, eppure "meno del 20% fa investimenti adeguati per la protezione del proprio patrimonio informativo". E sono chiamate le famiglie: la pedopornografia dilaga in rete, con 2 milioni di immagini censite lo scorso anno e la fonte involontaria - avverte il Garante - sarebbero i social network in cui genitori postano le immagini dei figli".

L'analisi del Garante tocca anche l'annosa questione delle intercettazioni, con l'invito ad adottare "adeguate misure di sicurezza, da parte di ciascun soggetto coinvolto in ogni fase dell'indagine", per ridurre i rischi legati alla "frammentazione dei centri di responsabilità", e il mondo dell'informazione, con il monito a considerare il "potenziale distorsivo del processo mediatico, in cui logica dell'audience e populismo penale rischiano di rendere la presunzione di colpevolezza il vero criterio di giudizio". Anche la risposta alle fake news, sottolinea Soro, non va cercata nella tecnologia, né nei "tribunali della verità", ma in un "forte impegno pubblico e privato nell'educazione civica alla società digitale", nella "sistematica verifica delle fonti" e, ancora una volta, nella "forte assunzione di responsabilità da parte di ciascuno: dal singolo utente alle redazioni e, certo, ai grandi gestori della rete".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Daniel Hegarty
MOTOCICLISMO

Motociclista muore durante il Gp di Macao

Daniel Hegarty aveva 31 anni: è finito contro le barriere
Malcom Young sul palco
HARD ROCK

E' morto Malcolm Young fondatore degli Ac/Dc

Il fratello Angus: "Ci lascia un'eredità attraverso la quale vivrà per sempre"
Carabinieri del Ros in azione
MAFIA

Taormina: 12 arresti nel clan Brunetto

Sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'appello di Gentiloni ai sindacati: "Pacchetto rilevante, sostenetelo"

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini