LUNEDÌ 15 MAGGIO 2017, 10:40, IN TERRIS

Primarie Lega: Salvini straccia Fava, Bossi minaccia la "secessione"

L'attuale segretario confermato con l'82% di preferenze. L'ex leader: "Con lui è la fine. Non consentirò il tradimento del Nord". La replica: "Non ho tempo per reduci e nostalgici"

DANIELE VICE
Primarie Lega: Salvini straccia Fava, Bossi minaccia la
Primarie Lega: Salvini straccia Fava, Bossi minaccia la "secessione"
Trionfo di Matteo Salvini alle primarie della Lega. Il voto riconferma l'attuale segretario con l'82,7% delle preferenze. Stracciato Gianni Fava, sostenuto, tra gli altri, da Umberto Bossi. Un risultato che, però, rischia aprire un confronto durissimo all'interno con l'ala legata all'ex "Senatur" che potrebbe pensare a una clamorosa "secessione", non dal resto dell'Italia stavolta, ma nel Carroccio stesso.

Bossi, del resto, è stato chiarissimo nel dire che Salvini sta sancendo "la fine della Lega".  "Ci sono migliaia di fuoriusciti ed espulsi dalla Lega che hanno messo assieme un partito abbastanza grande e stanno attorno a Roberto Bernardelli (un ex Serenissimo) - ha detto - io potrei valutare la situazione, perché sono per continuare la battaglia per la liberazione del Nord. E non permetterò che il Nord venga tradito per qualche sedia in più".

Forte dei numeri, Salvini ha fatto spallucce di fronte alla minaccia del vecchio Capo. "Oggi - ha spiegato - i militanti hanno parlato. Bossi faccia i conti con loro e con la sua coscienza, io non ho tempo da perdere con i nostalgici e i reduci". Ma lo caccerà? "Io non caccio nessuno". Dal palco però l'avvertimento: "La Lega d'ora in poi avrà una voce unica. E chiunque dica qualcosa fuori posto si può accomodare fuori dalla porta". Secondo il segretario federale "viene confermato il progetto della Lega, per portare un programma di sicurezza e autonomia in tutta Italia, da Nord a Sud". Salvini ha indicato subito il prossimo obiettivo, senza ancora sciogliere il nodo delle alleanze: "Mandare a casa Renzi, Alfano, Boschi e Boldrini, bloccare l'invasione clandestina in corso, rilanciare lavoro e speranza in Italia".

Chi prende sul serio i tormenti di Bossi è Fava. "Quello di Salvini è un risultato netto - ha commentato al telefono con l'Ansa - ma il rischio di frattura c'è, serio e irrevocabile: se Bossi uscisse davvero, molti altri lo seguirebbero, mi sono messo in gioco proprio per scongiurarlo. Quindi, spero che Salvini abbia a cuore l'interesse del movimento e riesca a trovare un'intesa con Bossi. Io comunque non mollo". "Le primarie - ha sottolineato su Facebook il governatore della Lombardia ed ex segretario leghista, Roberto Maroni - sono state un utile momento di confronto e di dibattito, ma da domani tutti uniti dietro il segretario. Abbiamo una missione da compiere: organizzare (e vincere) il referendum per l'autonomia del prossimo 22 ottobre".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un'immagine d'archivio del sottomarino argentino
ARGENTINA

Segnali dal sottomarino scomparso

Registrate sette tentativi di chiamate satellitare. La ricerca continua
La famiglia che ha portato i doni all'offertorio
BASILICA DI SAN PIETRO

"I poveri sono il passaporto per il paradiso"

Il Papa all'Angelus: "Siano sempre al centro delle nostre comunità"
GIORNATA MONDIALE DEI POVERI

Cene di fraternità e marce solidali: il mondo celebra la Gmp

Dall'Argentina alla Slovacchia, dalla Francia alla Colombia: le iniziative
Il Presidente Sergio Mattarella

Un Presidente contro corrente

Il Presidente Sergio Mattarella sceglie 30 persone per attribuire loro il cavalierato: l’onorificenza...
Il presidente Trump con il premier israeliano Netanyahu
MEDIO ORIENTE

Gli Usa minacciano di chiudere la sede dell'Olp

Tentativo di forzare la mano per riprendere i negoziati con Israele. Dura reazione palestinese
Jessica Notaro
QUIRINALE

Mattarella conferisce 30 onorificenze al merito

Insignita anche Jessica Notaro e don Paolo Felice Giovanni Steffano