GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 18:38, IN TERRIS

PENSIONI, LA CONSULTA BOCCIA IL BLOCCO ALLA RIVALUTAZIONE

La norma fu inserita su iniziativa dell'ex ministro Elsa Fornero nel Salva Italia del governo Monti

AUTORE OSPITE
PENSIONI, LA CONSULTA BOCCIA IL BLOCCO ALLA RIVALUTAZIONE
PENSIONI, LA CONSULTA BOCCIA IL BLOCCO ALLA RIVALUTAZIONE
La Corte Costituzionale ha bocciato la rivalutazione automatica delle pensioni per assegni superiori a tre volte il minimo prevista dalla Salva Italia del governo Monti che decise di bloccare l'adeguamento al costo della vita per gli assegni dai 1.400 euro lordi in su. Non propriamente, dunque, pensioni d'oro. Ad elaborare la norma l'ex ministro del Lavoro, Elsa Fornero. A far decidere i magistrati Consulta il richiamo generico alla "contingente situazione finanziaria, senza che emerga dal disegno complessivo la necessaria prevalenza delle esigenze finanziarie sui diritti oggetto di bilanciamento, nei cui confronti si effettuano interventi così fortemente incisivi", si legge nella sentenza. E la Corte affonda il colpo quando sancisce che la norma causò un "irragionevole sacrificio" nel nome "di esigenze finanziarie non illustrate nel dettaglio" e fece di fatto saltare il diritto ad una prestazione previdenziale adeguata. Risultano quindi intaccati, aggiungono i giudici, "i diritti fondamentali connessi al rapporto previdenziale, fondati su inequivocabili parametri costituzionali: la proporzionalità del trattamento di quiescenza, inteso quale retribuzione differita e l'adeguatezza".

Esultano i sindacati che dal 2011 denunciano lo scippo ai danni dei pensionati e si vedono confermare la necessità di rimettere mano alla riforma Fornero."Ora è bene sanare questa ingiustizia perché i pensionati meritano di vedere tutelata la propria pensione, così come abbiamo sempre sostenuto fin dal governo Monti'', scandisce il segretario generale dello Spi-Cgil, Carla Cantone. Soddisfatta anche la Uil. "È una sentenza che finalmente fa giustizia. Adesso il Governo Renzi restituisca il maltolto a milioni di pensionati", dicono all'uniscono il segretario confederale, Domenico Proietti e il segretario generale Uilpensionati, Romano Bellissima.

A invocare un cambio di passo è la Cisl. "Il pronunciamento della Consulta deve servire da monito per il futuro, sia per il Governo che per il Parlamento. Il risanamento della finanza pubblica si realizza intervenendo sulle enormi aree di spreco ed inefficienza della spesa pubblica e aggredendo la corruzione e l'illegalità fiscale non riducendo i diritti fondamentali riconosciuti da uno Stato sociale che va, anzi, preservato e ammodernato per affrontare più efficacemente le nuove emergenze sociali e per continuare a soddisfare i bisogni della popolazione nell'età anziana", spiega il segretario confederale, Maurizio Petriccioli.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione