MERCOLEDÌ 16 NOVEMBRE 2016, 10:20, IN TERRIS

Parisi replica a Berlusconi: "Vado avanti, le coalizioni tra leader non hanno senso"

L'ex ad di Fastweb rilancia il suo centrodestra: "Sarà un'alternativa liberale". Gelido il presidente di Fi: "Non esiste un mio erede"

DANIELE VICE
Parisi replica a Berlusconi:
Parisi replica a Berlusconi: "Vado avanti, le coalizioni tra leader non hanno senso"
Stefano Parisi vuole andare avanti nel progetto di ricostruzione del centrodestra, nonostante le perplessità di Silvio Berlusconi sulla possibile esclusione di Matteo Salvini dalla nuova "casa dei moderati" paventata dall'ex ad di Fastweb. "Ci serve qualcosa di più di un talent scout" è stata la replica all'ex Cav. Anche perché "Forza Italia ha perso negli ultimi anni dieci milioni di voti" e se "Renzi va in crisi, cosa probabile dopo il referendum, l'alternativa è Grillo e questo mi preoccupa". Parisi, quindi, punta a "un'alternativa liberale" e questo "va fatto con le persone". Le coalizioni tra leader "hanno poco senso, vanno fatte fatte su una base programmatica seria e condivisa, altrimenti è meglio evitare di farle. L'effetto delle coalizioni a tavolino l'hanno pagato tutti".

Poco prima su Rtl 102.5 Berlusconi aveva ribadito che il centrodestra non ha ancora "partorito" un suo erede. "Spero ci sia - è l'auspicio dell'ex premier - fino adesso questa scelta non mi si è presentata. Avevo puntato molto su qualcuno che poi addirittura è passato dall'altra parte... Altri personaggi hanno deluso". Di leader veri nella politica, ammette, "ora ce ne è uno solo e si chiama Matteo Renzi. Fuori dalla politica forse ce ne è qualcuno, ma dalla politica è stato buttato fuori...".

Berlusconi ha parlato anche di referendum, asserendo che il premier "mente: se vince il No non ci sarà nessun caos. Sono le stesse bugie che diceva Napolitano quando diceva all'estero che il mio governo non aveva i soldi per pagare gli stipendi". Renzi, ha aggiunto, "usa l'arma della paura per raccogliere voti".

Se vince il No, secondo Berlusconi, si potrà avere "un governo che faccia la legge elettorale e ci porti al voto. Oppure un esecutivo che faccia una riforma costituzionale con quelle cose che in questo non ci sono. Noi vogliamo che vinca il no per ridare voce agli italiani e arrivare a ridiscutere una riforma della Carta tutti assieme, per raggiungere un accordo più ampio possibile". A chi gli chiede se fosse pentito della rottura con Renzi, l'ex premier risponde netto: "Purtroppo ci siamo chiamati fuori quando abbiamo capito che non era interessato a una vera riforma ma a regole cucite addosso a lui. A quel punto avevamo non solo il diritto, ma anche il dovere di opporci".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Importanti progressi nella cura della sma
ATROFIA MUSCOLARE SPINALE

Via alle prime infusioni salvavita

Il trattamento iniziato a Trieste, ora toccherà a Milano e Napoli
Il Pirellone, candidato ad ospitare la sede dell'Ema
BREXIT

L'Ue decide la nuova sede dell'Ema

Duello tra Milano a Bratislava per ospitare l'Agenzia europea del farmaco
SERIE A

Juve, naufragio a Marassi. Pari per Viola e Toro

La Samp vince 3-2: Napoli in fuga. Spal e Chievo bloccano Pioli e Mihajlovic. Colpi di Cagliari, Genoa e Sassuolo
Speranza e Bersani
VERSO LE ELEZIONI

Mdp e SI sbattono la porta in faccia al Pd

Fratoianni: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci si vede dopo il voto"
Robert Mugabe
ZIMBABWE

Mugabe accetta di dimettersi

Dopo una lunga trattativa con i militari. L'annuncio in televisione in tarda serata
Due scosse avvertite nel Parmense
PARMA

Doppia scossa di terremoto, nessun danno

Il sisma avvertito anche in Liguria, residenti in strada a La Spezia