GIOVEDÌ 21 MAGGIO 2015, 11:52, IN TERRIS

OMICIDIO STRADALE, ENTRO GIUGNO L'APPRODO IN AULA DEL DDL

Il ddl è stato licenziato dalla Commissione Giustizia di Palazzo Madama. Pene severe per chi uccide sotto l'effetto di alcool

LUCA LA MANTIA
OMICIDIO STRADALE, ENTRO GIUGNO L'APPRODO IN AULA DEL DDL
OMICIDIO STRADALE, ENTRO GIUGNO L'APPRODO IN AULA DEL DDL
Passo in avanti verso l'introduzione nel codice penale del reato di omicidio stradale. Ieri la commissione Giustizia del Senato ha approvato il disegno di legge dando il là per l'approdo in Aula. Il relatore Giuseppe Cucca del Pd si è detto convinto che la discussione inizierà entro la prima decade di giugno. Chi uccide qualcuno guidando un'automobile o una imbarcazione sotto l'effetto di alcol, droghe rischia il carcere fino a 12 anni - che diventano 18 anni nel caso di omicidio plurimo - e la revoca della patente fino a 30 anni. "Una buona notizia, uno straordinario passo avanti", per il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini, il quale ha sottolineato che è stato fatto "un ottimo lavoro, lo dovevamo a tutte quelle famiglie che hanno perso un figlio o un parente. Una prima battaglia vinta anche per loro".

Soddisfazione anche del vice ministro della Giustizia, Enrico Costa per il quale "è indifferibile un intervento per garantire una pena severa, ma soprattutto effettiva". La commissione ha approvato il testo quasi all'unanimità, con il solo voto contrario di Forza Italia che ha messo sotto accusa soprattutto la sanzione, ritenuta eccessiva, della revoca della patente fino ai 30 anni. Perplessità anche da Area popolare la quale auspica che in aula si affronti la questione con le dovute differenziazioni. Si introduce, innanzitutto il delitto di omicidio stradale e nautico. Chiunque guida un veicolo a motore, una imbarcazione, una moto d'acqua in stato di ebbrezza alcolica o sotto l'effetto di droghe e causa la morte di una persona e' punito con la reclusione da 8 a 12 anni; pena che arriva a 18 anni in caso di omicidio plurimo.

Pene severe anche per chi provoca la morte di una persona in seguito a una manovra pericolosa, anche se non si è sotto l'effetto di alcol o droga: dai 7 ai 10 anni se l'incidente mortale avviene perché si attraversa un incrocio passando con il semaforo rosso o si fa una manovra di inversione del senso di marcia o un sorpasso in prossimità delle strisce pedonali, per fare qualche esempio. La stessa pena sarà applicata anche in caso di incidente mortale in acqua se chi guida l'imbarcazione procede ad una velocità superiore al doppio di quella consentita o se circola in uno specchio d'acqua nel quale non è consentita la navigazione. C'e' poi la revoca della patente, con differenziazioni: se si uccide qualcuno mentre si guida ubriachi la revoca arriva fino a 15 anni; fino a 20 anni, invece, se in passato si è stati già sottoposti all'alcotest. Se, infine, si guida in stato di ebbrezza e si supera il limite di velocità scatta la revoca massima dei 30 anni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti