MERCOLEDÌ 06 MARZO 2019, 18:11, IN TERRIS


LEGITTIMA DIFESA

Ok della Camera alla riforma

Testo approvato con 373 sì. Venticinque grillini non partecipano al voto

ALBERTO TUNO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Camera dei Deputati
Camera dei Deputati
O

k della Camera alla riforma legittima difesa. Il provvedimento è passato con 373 voti favorevoli, 104 contrari e 2 astenuti. Al voto sono scoppiati gli applausi dei deputati di Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega. Dai tabulati del voto risulta che 25 deputati del Movimento 5 Stelle non hanno partecipato alla deliberazione, entrando in Aula solo dopo la proclamazione dei risultati. Dal 26 marzo il provvedimento passerà al vaglio del Senato per la terza lettura.


Critiche

L'asse di centrodestra favorevole alla riforma non è passato inosservato. "In Parlamento c'è una nuova maggioranza. E la guida Salvini - ha scritto su Facebook il vicepresidente della Camera in quota Pd Ettore Rosato -. Settimana scorsa Forza Italia e Fratelli d'Italia hanno deciso la non adesione al Global compact, il trattato internazionale sulla gestione dei migranti, nel silenzio della maggioranza (link). Oggi assieme alla Lega votano la riforma sulla legittima difesa. Una legge che non crea più sicurezza e rischia di ingannare i cittadini con un principio di impunibilità che non potrà essere realmente applicato. Anche stavolta i 5 Stelle annuiscono in silenzio e assistono alla ricomposizione della destra". Affondo anche da parte di Matteo Orfini. "E anche sulla legittima difesa Luigi Di Maio fa il follower di Matteo Salvini - ha commentato -. E approva insieme a Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi una legge assurda che renderà l'Italia più insicura e produrrà più crimini".


Centrodestra compatto

Soddisfazione nel centrodestra. La ministra della Pa, Giulia Bongiorno, plaude l'ok di Montecitorio. "Bene l'approvazione da parte dell'Aula di Montecitorio della Legittima Difesa, ora mancano pochi passi al traguardo finale. Stop ai calvari giudiziari per chi si difende e per chi reagisce ad un'aggressione in stato di turbamento". Per Mara Carfagna si tratta di uno "dei cardini del programma del centrodestra. Questa legge però non si trasformi in un alibi: è sempre lo Stato a dover garantire la sicurezza dei suoi cittadini. Ci sono anche italiani che non intendono armarsi ma vogliono dormire sonni tranquilli, sapendo che le Forze dell'Ordine sono sulle strade con le loro pattuglie, ben equipaggiate. La risposta alla percezione di insicurezza che si vive oggi in Italia non può essere quella dell'armatevi tutti, ma deve essere quella di uno Stato forte, presente, che assicura i criminali alla giustizia e protegge i suoi cittadini".


Altolà di Area

Altolà, invece, della corrente Area della magistratura. "La legittima difesa era già prevista e disciplinata in modo equilibrato - Cristina Ornano, segretario dell'associazione delle toghe progressiste AreaDg -. I cittadini e la giustizia non avevano bisogno di una simile riforma. Una riforma che complica l'accertamento giudiziario, che comunque resta insostituibile; che apre la strada a pericolose conseguenze pratiche, come l'attuazione di una giustizia privata; che suscita seri dubbi sul piano costituzionale".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea Camilleri
ROMA

Camilleri ricoverato in gravi condizioni

Lo scrittore è stato portato al Santo Spirito per un arresto cardiaco, i medici: "Condizioni critiche"
Konduga, il luogo dell'attentato
NIGERIA

Tre attentati suicidi di Boko Haram: decine di morti

Il gruppo fondamentalista ha colpito la città di Konduga, durante la proiezione di una partita
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Francesco Totti in conferenza
ROMA

La verità di Totti: "Lascio ma non per colpa mia"

L'ex capitano spiega le sue ragioni: "Mai coinvolto in un progetto tecnico. Baldini? Uno dei due era di troppo"
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio