VENERDÌ 10 APRILE 2015, 10:38, IN TERRIS

OK DELLA CAMERA AL REATO DI TORTURA, PENE FINO A 10 ANNI

Il testo è stato approvato in prima lettura e torna al Senato. Fino a 15 anni se le vessazioni sono commesse da pubblici ufficiali

DANIELE VICE
OK DELLA CAMERA AL REATO DI TORTURA, PENE FINO A 10 ANNI
OK DELLA CAMERA AL REATO DI TORTURA, PENE FINO A 10 ANNI
Detto fatto: la Camera ha approvato in prima lettura il ddl che introduce nel codice penale il reato di tortura. Un'accelerata, quella di Montecitorio, resasi necessaria dopo la condanna di Strasburgo per il caso Diaz. Il testo ora passerà al Senato per la seconda lettura. In sintesi, vengono introdotti due nuovi articoli per punire il reato di tortura e di istigazione alla tortura. Nel primo caso viene prevista la pena da 4 a 10 anni di carcere , con diverse aggravanti. La seconda fattispecie, invece, viene punita invece con il carcere da 1 a 6 anni. Prevista, tra le altre cose, l'invalidità delle prove ottenute mediante tortura e il divieto di espellere o respingere stranieri in Paesi che praticano la tortura. Ha votato insieme alla maggioranza il gruppo di Sinistra ecologia e libertà, mentre il Movimento 5 stelle si è astenuto.

La disposizione definisce il delitto come quello commesso da "chiunque, con violenza o minaccia ovvero con violazione dei propri obblighi di protezione, di cura o di assistenza, intenzionalmente cagiona ad una persona a lui affidata, o comunque sottoposta alla sua autorità, vigilanza o custodia, acute sofferenze fisiche o psichiche al fine di ottenere, da essa o da un terzo, informazioni o dichiarazioni o di infliggere una punizione o di vincere una resistenza, ovvero in ragione dell'appartenenza etnica, dell'orientamento sessuale o delle opinioni politiche o religiose". Il reato prevede diverse aggravanti: se i fatti vengono commessi da un pubblico ufficiale la pena prevista è da 5 a 15 anni; in caso di lesione personale le pene sono aumentate; in caso di lesione personale grave le pene sono aumentate di un terzo e della metà in caso di lesione personale gravissima; in caso di morte involontaria la pena è aumentata di due terzi; in caso di morte provocata volontariamente la pena è l'ergastolo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"