MARTEDÌ 21 LUGLIO 2015, 002:30, IN TERRIS

OGNI ANNO SPRECHIAMO 25MILA LITRI DI ACQUA A TESTA

Dati vergognosi in un report di Waste Watcher. In quattro anni è come se avessimo prosciugato il Trasimeno

REDAZIONE
OGNI ANNO SPRECHIAMO 25MILA LITRI DI ACQUA A TESTA
OGNI ANNO SPRECHIAMO 25MILA LITRI DI ACQUA A TESTA
Ogni anno ogni cittadino italiano spreca mediamente 24.927 litri d'acqua. E lo fa buttando nella spazzatura frutta, verdura e ortaggi. Ogni 4 anni infatti gli italiani prosciugano un bacino idrico grande come il lago Trasimeno per irrigare vegetali che non raggiungeranno mai gli stomaci dei cittadini. Ciò equivale a dire che dietro a 13,7 kg pro-capite di spreco alimentare annuo si nascondono virtualmente circa 25 metri cubi di acqua, riversati nel bidone della spazzatura di casa di ogni italiano. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio Waste Watcher che verranno presentati mercoledì 22 luglio sul palcoscenico di Mittelfest 2015 a Cividale del Friuli in un dialogo scenico su 'Acqua, cibo e altri sprechi' scandito dalla geniale matita di Altan, tra l'agroeconomista Andrea Segrè e il conduttore di Caterpillar Massimo Cirri.

Lo spreco alimentare domestico, ovvero il cibo ancora buono che finisce direttamente nei rifiuti, secondo l'Osservatorio Waste Watcher vale oltre 8 miliardi di euro, circa mezzo punto di Pil. Mentre l'Istat conta ormai più di 10 milioni di italiani che vivono e si alimentano in condizioni di povertà. Lo spreco è intorno a noi, dai campi e dalla terra ai luoghi di commercializzazione del cibo e dell'acqua, ed è anche e soprattutto nelle nostre case. Ogni italiano - spreca circa 3,3 kg di verdure all'anno. Anche il pane e la frutta vengono sprecati di frequente, con valori di 2,2 e 2,5 kg annui. L'Osservatorio Waste Watcher (elaborazione 2015 su dati 2014) ha calcolato che l'impronta idrica dello spreco in Italia ammonta a 24927 litri all'anno per ogni cittadino. "Rispettare il diritto al cibo e all'acqua in misura giusta, sana e sufficiente - spiegano Andrea Segrè e Massimo Cirri - significa abbeverare e nutrire un pianeta che, fra sottoalimentazione e obesità, è allo stesso tempo troppo affamato e troppo sazio o assetato. Significa, quindi, restituire valore al cibo e all'acqua come bene pubblico, puntando innanzitutto sull'educazione alimentare, che è l'educazione civica del nostro tempo, e coltivando una cultura di prevenzione degli sprechi".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Mattarella e il Papa
BUON COMPLEANNO FRANCESCO

Mattarella: "Auguri da tutti gli italiani"

Il Capo dello Stato: "Ha posto l'attenzione su persona e famiglia". Lo Judice: "Esempio per i giovani"
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Il Pentagono
USA

Il Pentagono: abbiamo indagato sugli Ufo

Il programma è stato avviato nel 2007 e interrotto 5 anni fa per il blocco dei fondi
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"