MERCOLEDÌ 07 GIUGNO 2017, 15:00, IN TERRIS

Nuovo richiamo del Consiglio d'Europa: "Italia indietro nella lotta alla corruzione"

Ritardo nell'applicazione degli standard fissati dal Greco. Preoccupazione il frequente ingresso in politica dei magistrati

AUTORE OSPITE
Nuovo richiamo del Consiglio d'Europa:
Nuovo richiamo del Consiglio d'Europa: "Italia indietro nella lotta alla corruzione"
L'Italia è indietro nella lotta alla corruzione e, in particolare, nell'applicazione degli standard fissati da "Gruppo di Stati contro la corruzione" (Greco), organo del Consiglio d'Europa. Il dato emerge dall'ultimo rapporto annuale: Roma ha implementato pienamente, in cinque anni, solo il 33% delle raccomandazioni sull'incriminazione della corruzione, attraverso l'introduzione nel codice penale di reati specifici. Peggio solo Bosnia (0%), Portogallo e Usa (17%). Fatti progressi invece sulla trasparenza del finanziamento dei partiti.

Su questo fronte, segnala il rapporto, l'Italia ha implementato pienamente il 71% delle raccomandazioni per aumentare la trasparenza del finanziamento dei partiti politici, e parzialmente le restanti, e si trova quindi in una posizione migliore di altri grandi Paesi europei, come Francia e Germania, che hanno implementato pienamente meno del 40% delle raccomandazioni del Greco.

Il Greco ha poi espresso preoccupazione per la pratica che vede giudici passare alla politica e poi magari tornare alla magistratura. Un fenomeno, evidenziano a Strasburgo, particolarmente rilevante in Italia e in Olanda. Il rapporto evidenzia "il rischio inevitabile, reale o percepito, che la magistratura sia politicizzata" e la necessità di porre dei limiti "trovando un equilibrio".

Se "i magistrati non devono essere isolati dal resto della società, ne privati del diritto a partecipare alla vita sociale e politica", si legge nel rapporto, allo stesso tempo, "date le particolarità della funzione" è necessario che la questione sia regolamentata: "Bisogna trovare un giusto equilibrio tra quanto i magistrati possono essere coinvolti nella società e la necessità per i giudici e tutta la magistratura di essere, e essere visti, come indipendenti e imparziali nell'espletamento delle loro funzioni".

Il Greco ha infine invitato i governi, i parlamenti, e la magistratura dei Paesi europei ad aumentare i loro sforzi per creare meccanismi preventivi anti corruzione più efficaci. Gli Stati "hanno la tendenza a fare troppo affidamento sugli elementi repressivi della lotta alla corruzione, e a sottovalutare troppo spesso la forza ed efficacia dei meccanismi di prevenzione, che ora sono o troppo deboli o del tutto assenti". Greco ha quindi raccomandato a tutti i suoi Stati membri, compresa l'Italia, di introdurre una serie di misure preventive, come i codici di condotta ed etici per i parlamentari e i giudici, allo scopo di evitare varie forme di conflitto d'interessi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano