MARTEDÌ 09 GIUGNO 2015, 13:08, IN TERRIS

MIGRANTI, MARONI SCRIVE AI PREFETTI: "STOP ALLE ASSEGNAZIONI IN LOMBARDIA"

Prosegue il braccio ferro con Roma. Il governatore: "Da noi vive già un quinto degli immigrati". Il Sinpref: "Rispondiamo solo al Viminale"

FRANCESCO VOLPI
MIGRANTI, MARONI SCRIVE AI PREFETTI:
MIGRANTI, MARONI SCRIVE AI PREFETTI: "STOP ALLE ASSEGNAZIONI IN LOMBARDIA"
Incurante della polemica scatenata dalle sue dichiarazioni sul piano migranti Roberto Maroni rilancia e, in una lettera inviata ai prefetti lombardi, chiede di sospendere le assegnazioni "in attesa che il Governo individui soluzioni di accoglienza temporanea più eque, condivise e idonee, che garantiscano condizioni reali di legalità e sicurezza". In Lombardia, terza regione per presenza di immigrati dopo Sicilia e Lazio, "vive già oltre un quinto degli immigrati regolari presenti in Italia, molti dei quali in cerca di lavoro. E' quindi impensabile non inviare in Lombardia altri immigrati prima di aver riequilibrato la distribuzione". Maroni spiega anche che "l'eccezionale afflusso di cittadini stranieri sul nostro territorio, a seguito degli sbarchi sulle coste italiane, impone una gestione molto attenta del fenomeno migratorio. La soluzione al problema dell'immigrazione clandestina resta il blocco delle partenze dalle coste africane, attraverso il coinvolgimento dell'Ue, dell'Onu e di tutta la comunità internazionale".

Pronta è arrivata la risposta dei prefetti lombardi. "Non rispondiamo certo al governatore - ha chiarito all'Agi il presidente dell'associazione sindacale dei funzionari prefettizi, Claudio Palomba - è una materia di competenza dello Stato e i prefetti si attengono alle direttive che arrivano dal ministero dell'Interno e dal governo".  "La nostra - ha ribadito - è una posizione chiara e netta, il nostro rapporto giuridico e funzionale non può essere con i singoli amministratori: in presenza di un invio, siamo tenuti a provvedere alla sistemazione, certo in una attività di logica mediazione e con l'aiuto dei sindaci". Il numero uno del Sinpref ammette che "le difficoltà ci sono, è inevitabile in presenza di certi numeri e le avevamo già segnalate un mese e mezzo ma le stiamo affrontando, e fronteggiando. Di fronte all'emergenza, c'è chi pensa di requisire strutture come le caserme ma io personalmente sono abbastanza contrario perché non è solo un problema di accoglienza ma anche di integrazione. E laddove è possibile e' meglio conciliare i due aspetti".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci