MERCOLEDÌ 11 DICEMBRE 2019, 22:28, IN TERRIS

IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Giuseppe Conte in Senato
Giuseppe Conte in Senato
S

i discute sia alla Camera che al Senato ma, alla fnie, la risoluzione della maggioranza sulle modifiche al Mes (con la quale, fra l'altro, si promette di "mantenere la logica di pacchetto alla quale accompagnare ogni tappa mirata ad assicurare l'equilibrio complessivo dei diversi elementi al centro del processo di riforma dell'Unione economica e monetaria, approfondendo i punti critici") passa a entrambe le Camere. L'ok di Montecitorio è arrivato con 291 sì e 222 no, mentre a Palazzo Madama, con quatro senatori dissidenti del Movimento 5 stelle a votare contro, il via libera è arrivato con 164 favorevoli e 122 contrari. Particolarmente tesa la situazione in Senato, dove il passo indietro dei pentastellati Grassi, Urraro, Lucidi e Paragone hanno provocato qualche incertezza sull'ok alla risoluzione, oltre che la reazione di protesta da parte del M5s. Era stato proprio Stefano Lucidi a "Un giorno da pecora", ad anticipare la mossa in merito alla risoluzione del Mes, rendendo nota la sua posizione contraria: "Voterò no - aveva detto - io ne faccio una questione di metodo, che è dipeso da chi ha scritto questo documento. Farò una dichiarazione in dissenso esponendo le mie ragioni".


Voto di dissenso

Scampato il pericolo al Senato, il premier Conte (che ha lasciato l'Aula prima del voto) dovrà ora augurarsi che la maggioranza resti compatta, laddove i dissidi, stavolta, sono collocati su un piano strettamente interno. E, mentre il presidente del Consiglio traccia la linea del Mes, spiegando che "proteggersi non significa 'rinchiudersi', in quanto su scala globale riteniamo che il multilateralismo sia lo strumento migliore per tutelare gli interessi degli Stati membri, a partire dal nostro", è il Movimento 5 stelle a interrogarsi e a interrogare i dissidenti che, a ogni modo, hanno usato prudenza nel prendere posizione, schierandosi contro in tema di risoluzione ma non allegandovi l'intento di uscire dal Movimento: "La mia dichiarazione di dissenso non è prodromica all'uscita dal gruppo - ha detto il senatore Gianluigi Paragone -. Questa Europa con le sue politiche ci impedisce di crescere. Come pensiamo di salvare i lavoratori, i posti di lavoro? Con gli spiccioli che ci lascia l'Europa?". Stessa posizione, esplicata durante le dichiarazioni di voto, anche per Francesco Urraro e Ugo Grassi, più esplicito degli altri nello sganciarsi dai pentastellati "Annuncio il mio voto in dissenso e constato di non riconoscermi più nelle politiche del mio Movimento... Si tratta di un testo riformato del quale non abbiamo avuto tempestiva contezza, non in quanto singoli partiti ma non è stato informato per tempo il Parlamento, dandogli modo di intervenire... Questo non significa essere sovranisti ma difendere la democrazia e non di un solo popolo".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
CLIMA

La tempesta Gloria fa 7 morti in Spagna

Evacuate 1.500 persone nei Pirenei orientali. Allerta in Francia
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella nell'incontro con il il presidente dello Stato d'Israele, Reuven Rivlin
VISITE DI STATO

Mattarella: Sull'antisemitismo mai abbassare la guardia

Il presidente della Repubblica ha incontrato Rivlin. Oggi atteso al Forum sull'antisemitismo e la Shoah
CORONAVIRUS

Ricciardi:"Gli inglesi mettano a disposizione il test di laboratorio"

Il direttore dell'Osservatorio Italiano sulla Salute spiega a Interris.it le misure dell'Oms per prevenire la pandemia
Passeggeri che indossano mascherina all'aeroporto di Hong Kong - Foto © Anthony Wallace per AFP; a destra: particelle del virus della Sars - Foto © NIAID
ALLERTA EPIDEMIA

Virus cinese, sono 25 le vittime. A Roma il primo aereo da Wuhan

Effettuati controlli all'aeroporto di Fiumicino. Si teme una nuova Sars
GERMANIA

Turingia, si ribalta scuolabus: morti due bimbi

Nella stessa giornata un altro incidente in Alta Baviera: diversi alunni feriti
L'aeroporto di Mitiga, a Tripoli
LIBIA

Haftar annuncia una no-fly zone su Tripoli: chiude l'aeroporto di Mitiga

L'uomo forte della Cirenaica ha dichiarato che verrà abbattuto qualsiasi aereo militare o civile che sorvolerà...
GEMELLI

Bassetti: "No a una sanità per i poveri e una per i ricchi"

All'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Cattolica, il presidente della Cei mette in guardia da...
INDAGINE DEL CENSIS

In Italia il 2031 sarà l'anno zero dei matrimoni

La diminuzione costante delle nozze raggiungerà tra 11 anni la data di "decadenza statistica"
Coltivazione di marijuana a Gioia Tauro
CATANIA E GIOIA TAURO

Doppio blitz contro lo spaccio: sequestrati 13 mln di dosi

Si è suicidato in carcere un esponente della 'ndrangheta della cosca Figliomeni di Siderno
ANAGRAFE

Nel nome del padre e della madre

Sempre più genitori decidono di dare al neonato il cognome di entrambi. Le norme in Italia e nel resto d'Europa
Ospedale Civico di Palermo
OSPEDALE CIVICO E ASP | PALERMO

Truffa al servizio sanitario: primario ai domiciliari, 15 indagati

Dichiarato l’uso di dispositivi medici in numero notevolmente superiore rispetto a quello realmente usato
ROMA

Governo ad alta tensione, opposizione all'attacco

Conte non va a Davos per urgenti impegni di governo. Scoppia la polemica per uno spot di Porta a Porta con Salvini
Intelligenza artificiale (AI)
AVEZZANO | L'AQUILA

"Uomo on-life: tecnologia al servizio o persona bannata?"

Evento di sensibilizzazione e approfondimento, con mons. Paglia, Pontificia Accademia per la Vita
Corruption Perceptions index 2019
CPI 2019

Percezione della corruzione: Italia solo 51/a

Transparency International: "Lieti di vedere un ulteriore miglioramento, ma speravamo in qualcosa di più"