LUNEDÌ 20 LUGLIO 2015, 009:10, IN TERRIS

"MENO TASSE IN CAMBIO DI RIFORME", ECCO IL PATTO CON GLI ITALIANI DI RENZI

Il premier: "Nel 2016 via l'Imu sulla prima casa, nel 2017 una parte dell'Ires e nel 2018 i scaglioni Irpef"

DANIELE VICE
"MENO TASSE IN CAMBIO DI RIFORME", ECCO IL PATTO CON GLI ITALIANI DI RENZI
Riforme in cambio di un calo delle tasse. Matteo Renzi propone agli italiani un "patto" da 50 miliardi di euro che per i maligni è teso a recuperare consenso in vista delle amministrative del 2016. Ma proprio ai più smaliziati Renzi rivolge un'alzata di spalle e, ignorandone anche le ironie ("lui non è evoluzione del berlusconismo, lui è proprio Berlusconi", dice Civati), lancia una sorta di "contratto con gli italiani 2.0" di berlusconiana memoria. Ma che, ed è qui la differenza ribadita anche ieri, ha in sé ben chiari i compiti e le clausole che i contraenti dovranno rispettare. Un do ut des (riforme per calo tasse) tutto a favore dei cittadini, tiene a sottolineare il premier. Quello lanciato da Expo, ha spiega in un'intervista al Tg2 "è un patto che propongo agli italiani: riforme in cambio del taglio delle tasse.

Se le riforme vanno avanti - infatti - saremo in condizione di abbassare di 50 miliardi in 5 anni le tasse agli italiani. Lo abbiamo sempre detto e finalmente dopo tanti anni di immobilismo si può. Abbiamo iniziato con gli 80 euro, l'Irap. Se le riforme andranno avanti e credo che lo faranno, nel 2016 via tutte le tasse sulla prima casa, nel 2017 via una buona parte dell'Ires, nel 2018 scaglioni Irpef". Quello di Renzi è "un messaggio forte" che traccia netto il solco tra sé e la vecchia politica. Anzi, con i vecchi politici: "per anni - ha osservato- hanno detto 'vi tassiamo, vi tassiamo, vi tassiamo'. Noi invece, da quando siamo al governo, abbiamo iniziato a restituire soldi che sono degli italiani". E con il portafoglio pieno, o meno vuoto, il messaggio che arriva è di fiducia, ha assicurato il premier che vede all'orizzonte un Paese "che smette di essere un paese di piagnistei e lamentele e torna a essere locomotiva d'Europa".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"