MERCOLEDÌ 12 DICEMBRE 2018, 13:10, IN TERRIS


MEDIO ORIENTE

Meloni: "Hezbollah difende i cristiani in Siria"

Dopo che Salvini ha definito il movimento libanese "terrorista", la leader di FdI invita ad evitare "semplificazioni"

REDAZIONE
Miliziani di Hezbollah
Miliziani di Hezbollah
A

 seguito delle dichiarazioni di Matteo Salvini da Israele, secondo le quali Hezbollah sarebbe un movimento terrorista, sui social in tanti hanno diffuso immagini di miliziani del "Partito di Dio" libanese che brandiscono icone cristiane, come a voler testimoniare il contributo che costoro hanno offerto alla causa della minoranza cristiana in Siria, dove Hezbollah è impegnato a combattere insieme alle truppe governative siriane e ai pasdaran iraniani. L'uscita del ministro dell'Interno a suscitato la preoccupazione del ministero della Difesa per la sicurezza dei militari italiani impegnati nella missione Unifil proprio sul confine tra Libano e Israele.

Ora sulla questione è intervenuto anche un esponente del Parlamento italiano. Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, spiega che se in Siria "è ancora possibile fare i presepi, se ancora è possibile difendere la comunità cristiana, è anche grazie" a un fronte nel quale ci sono il governo di Bashar al Assad, la Russia, l'Iran e anche "le milizie libanesi di Hezbollah".  Secondo la Meloni, quando si tratta di geopolitica e di questioni internazionali "le semplificazioni non aiutano". Ed ha aggiunto: "Non posso non pensare alle nuove vittime di un attentato terroristico, pare, in Francia e non posso non ricordarmi che il terrorismo di casa nostra si ispira ed è spesso finanziato e sostenuto dall'Isis". Isis che trova come oppositori in Siria "il governo di Assad, in un fronte nel quale ci sono la Russia, l'Iran e le milizie libanesi di Hezbollah", ricorda Meloni.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista
Corteo Festa del Tricolore a Catania
CATANIA

All'ospedale giovane aggredito da 30 antifascisti

Il 18 stava distribuendo volantini di una comunità giovanile identitaria: rotto uno zigomo
Bambino al rubinetto dell'acqua
GIORNATA MONDIALE DELL€ACQUA

Unicef: "Più bimbi morti per diarrea che per proiettili"

Oltre 4,5 miliardi di persone non usano servizi igienico-sanitari sicuri
Aereo che ha portato Xi a Roma
ACCORDO ITALIA-CINA

Conte e Di Maio difendono la Via della Seta

Premier e vicepremier 5Stelle: "Nuove opportunità". E intanto giungono critiche dal Finantial Times
LORETO

Al via il pellegrinaggio dei giovani dell'Unitalsi

Una delegazione donerà al Papa un simbolo dell'Associazione
La stazione Termini a Roma
STAZIONE TERMINI

Paura in centro a Roma: minaccia i passanti con una pala

Prima aveva tentato di rapinare un'edicolante nella Galleria
Il bus incendiato nel milanese
LA CIRCOLARE

Viminale: stretta sulle patenti degli autisti dei bus

Maggiori controlli e raccordo operativo con le motorizzazioni civili
Cina: la violenta esplosione nell'impianto chimico
CINA

Esplode impianto chimico: 47 morti

Il presidente Xi in visita in Italia: "Massimo sforzo per salvare vite umane"
Il Fronte al-Nusra
ABRUZZO E ALTRE REGIONI

Finanziavano i terroristi: 20 indagati

Le ipotesi investigative sarebbero riconducibili al movimento radicale islamico Al-Nusra
La tendopoli
SAN FERDINANDO

Ancora un rogo: morto un migrante

Incendio nella tendopoli che ospita le persone sgomberate dalla vecchia baraccopoli