GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015, 14:30, IN TERRIS

MATTARELLA A CONFINDUSTRIA: "SEGNALI DI RIPRESA, AVANTI CON LE RIFORME"

Nel messaggio all'assemblea degli industriali il capo dello Stato ha sottolineato la necessità di cogliere l'opportunità di portare il Paese fuori dalla crisi

AUTORE OSPITE
MATTARELLA A CONFINDUSTRIA:
MATTARELLA A CONFINDUSTRIA: "SEGNALI DI RIPRESA, AVANTI CON LE RIFORME"
Avanti con le riforme per proseguire sulla strada della ripresa. E' questo il contenuto del messaggio rivolto da Sergio Mattarella all'assemblea di Confindustria in scena a Expo. Rivolgendosi al presidente Giorgio Squinzi, ai rappresentanti delle istituzioni e ai partecipanti il capo dello Stato ha sottolineato che "dopo un lungo e sofferto periodo di crisi, con gravissimi effetti in termini di perdita di capacità produttiva e di occupazione, i segnali indicano che anche in Italia si è avviata la ripresa".

Mattarella ha invitato a "cogliere questa opportunità per portare il Paese su un sentiero di crescita stabile e più sostenuto, cruciale per offrire opportunità ai giovani, per concretizzare l'aspirazione a un futuro migliore. Tornare alla crescita richiede uno sforzo in termini di innovazione e investimenti per adeguarsi alle nuove tecnologie, valorizzare le capacità delle persone, sostenere la competizione. Le istituzioni e la politica devono proseguire lungo il sentiero delle riforme strutturali per migliorare il contesto per fare impresa, promuovere la cultura della legalità del merito e della responsabilità, garantendo così condizioni per la competitività".

Secondo il Presidente "la capacità delle imprese italiane di competere e affermarsi sui mercati internazionali è un patrimonio del Paese che va riconosciuto e valorizzato. Anche le piccole e medie imprese, che hanno sofferto piu' di altri della lunga crisi, possiedono conoscenze e competenze capaci di farle crescere e di creare posti di lavoro di qualità, promuovendo anche la responsabilità sociale d'impresa per tener adeguatamente conto degli aspetti sociali e ambientali. E' necessaria una visione ambiziosa e di lungo termine per gestire il cambiamento e posizionare il nostro Paese su un sentiero virtuoso".

In questo senso, ha detto Mattarella, "il confronto tra imprese e istituzioni e le associazioni come Confindustria può svolgere un ruolo importante, contribuendo al progresso del Paese. Il nostro Paese ha grandi potenzialità, l'Italia può agire da protagonista in Europa. All'Europa e alle sue istituzioni spetta il compito di contribuire alla governance globale. Per questo sono necessari un progetto politico e, oggi più che mai, una visione comune europea per essere protagonisti sulla scena mondiale. Sono certo che non mancherà l'apporto significativo degli imprenditori, capaci di partecipare con coraggio e responsabilità alle impegnative sfide che ci attendono".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"