MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE 2019, 16:11, IN TERRIS

DIRITTI UMANI

Mattarella: "Resta tanto da fare per i bambini in difficoltà"

Il discorso del capo dello Stato in occasione della Giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, saluta i bambini al Teatro Carignano per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Torino - Foto © Presidenza della Repubblica
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, saluta i bambini al Teatro Carignano per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Torino - Foto © Presidenza della Repubblica
"R

esta ancora molto da fare per i bambini". A dirlo è il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che in occasione dei trent'anni dall'approvazione della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha ricordato l'urgenza di "tutelare la vulnerabilità e promuovere la crescita" dei bambini e ragazzi, sebbene "le condizioni in cui vivono bambini e ragazzi abbiano registrato nel mondo e nel nostro Paese progressi importanti". Questa mattina, Mattarella ha ricevuto al Quirinale una delegazione di Unicef Italia guidata dal presidente, Francesco Samengo, e dal direttore generale, Paolo Rozera. Vi hanno preso parte anche gli ambasciatori Unicef Samantha Cristoforetti e Michele Affidato e una rappresentanza di bambini e ragazzi del progetto Kids Take Over.


Fragilità in casa

Per il capo dello Stato, "molto resta ancora da fare per i bambini che vivono in contesti difficili o in condizioni di fragilità e nell'implementazione dei diritti basilari in un mondo in trasformazione". Una fragilità che si riflette anche nel settore sociale: secondo quanto dichiarato dall'Organizzazione SOS Villaggi dei Bambini, in Italia sono 27.000 i bambini che vivono senza cure familiari, di cui 14.000 in affidamento e 12.600 nei servizi residenziali per minorenni. Il documento evidenza che oltre 90.000 bambini sono vittime di maltrattamento e si avvalgono dell'apporto dei servizi sociali. 


I bambini e la guerra

Nel suo discorso, il presidente Mattarella ha anche ricordato i minori vittime della guerra. "Non possiamo abbassare il livello di guardia nella tutela dei minori vittime di conflitti armati, di quanti appartengono a minoranze, di coloro i quali necessitano di specifica protezione e sostegno per situazioni di vita o condizioni fisiche" ha detto. Il portale AsiaNews ricorda la piaga dell'estremismo islamico verso i più piccoli in Afghanistan dove due bambini su tre soffrono le ripercussioni del conflitto civile che dilania il Paese dal 2001. Fa eco a questi dati drammatici il rapporto presentato dalla Missione delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama), secondo cui dall'inizio della guerra almeno 927 bambini sono morti e oltre 2.000 sono rimasti feriti. Negli ultimi mesi Save the Children ha condotto un sondaggio su 600 adulti e 90 minori nel Paese: ne è emerso che oltre il 90% degli intervistati fuori Kabul ha dichiarato che i propri figli ha avuto contatti con il conflitto, mentre cresce costantemente il numero di bambini che ha paura a recarsi a scuola o a giocare all'aperto. Ciò non fa che confermare le parole del capo dello Stato: "L'indice di progresso di una società si misura dal modo in cui tutela i minori, nonché dalle risorse e dalle scelte che dedica loro. In questo ambito è il futuro stesso della società a essere in gioco" ha concluso.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Il luogo dell'incidente
REGGIO EMILIA

Operaio cade in una cisterna e muore

L'incidente è accaduto ieri notte presso la Cantina sociale di Massenzatico
Il taser
ARMI

Il taser entra nelle dotazioni delle forze dell'ordine

Oggi l'ok dal Consiglio dei ministri. Sarà utilizzato da polizia, carabinieri e guardia di finanza
L'epicentro del sisma
CALABRIA

Albi trema: terremoto 4.0 vicino Catanzaro

Due scosse nella notte anche in Sicilia, tra Enna e Messina
La firma dell'accordo commerciale Usa-Cina

Il costo dell'irrilevanza

Dopo fulmini e tuoni durati mesi e mesi, ecco che arriva l’intesa commerciale tra Cina ed Usa. Lo hanno siglato...
Il premier Conte e il presidente algerino Tebboune
NORD AFRICA

Conte ad Algeri, sforzi congiunti per la stabilità libica

Il premier fa visita a Tebboune: "E' il momento del dialogo e del confronto"
Parma-Roma 0-2. Florenzi e Pellegrini festeggiano dopo una rete - Foto © Twitter
CALCIO

Coppa Italia, ecco il quadro dei quarti

Col successo della Roma a Parma (0-2) si completa il tabellone: ai giallorossi tocca la Juventus
Corte Costituzionale
CORTE COSTITUZIONALE

La Consulta boccia il referendum sulla legge elettorale

Inammissibile perché "eccessivamente manipolativo". I commenti dei leader politici
Il cantiere di Camerano
CAMERANO | ANCONA

Operaio morto: almeno 5 indagati

Sindacati: "Dopo Lucca e Milano siamo al terzo infortunio mortale nei cantieri da inizio anno"
Salvatore e Rosario Manfreda
MESORACA | CROTONE

Il dna conferma: i cadaveri sono dei Manfreda

Finiti gli accertamenti biologici sui corpi. Padre e filglio erano scomparsi a Pasqua
I danni all'autovettura di Fabio Moscelli
TIFOSERIA VIOLENTA

Bomba carta sull'auto del tecnico dell'Andria calcio

La società potrebbe decidere di ritirare la squadra dal campionato di serie D
Mikhail Mishustin
RUSSIA

Chi è Mikhail Mishustin, il nuovo premier russo

Al via la riforma voluta da Putin che ha nominato il nuovo premier: più poteri al Parlamento e al governo