MERCOLEDÌ 24 APRILE 2019, 19:29, IN TERRIS


25 APRILE

Mattarella: "Fu un secondo Risorgimento"

Il Capo dello Stato alle associazioni dei combattenti: "La Liberazione, un momento fondante della nostra democrazia"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Sergio Mattarella
Sergio Mattarella
E'

giovani facciano propri i valori costituzionali. La festa del 25 aprile ci stimola a riflettere come il nostro Paese seppe risorgere dopo la tragedia della seconda guerra mondiale". Parole chiare quelle del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, arrivate durante una cerimonia al Quirinale con le associazioni dei combattenti in una vigilia della festa della Liberazione particolarmente movimentata, non solo per l'esposizione dello striscione inneggiante a Benito Mussolini esposto nei pressi di Piazzale Loreto. L'invito del Capo dello Stato è a considerare il 25 aprile come "un vero secondo Risorgimento italiano" e a farne memoria, tanto più per la sua vicinanza storica: "Conoscere la tragedia il cui ricordo è ancora vivo ci aiuta a comprendere le tante sofferenze che si consumano alle porte dell'Europa che coinvolgono popoli a noi vicini. Domani in moltissime località verranno ricordati le donne e gli uomini, i civili e i militari, i sacerdoti che contribuirono al riscatto del nostro Paese".


Mattarella: "Guardare al futuro"

Alle associazioni incontrate, il Presidente della Repubblica ha rinnovato la gratitudine per il loro impegno a far sì che la storia venga epurata da "interessate riscritture", parlando della loro testimonianza come di un "monito permanente". Mattarella, inoltre, ha ricordato che "la libertà non è un valore acquisito per sempre ma va difesa e sviluppata". Il 25 aprile 1945, ha detto ancora, "fu il momento fondante della nostra democrazia", il primo passo verso quella Costituzione "in cui tutti devono riconoscersi" e la cui tutela non deve essere un mero atto politico ma un'azione costante anche di tipo culturale. Il Capo dello Stato ha rilasciato un invito a guardare al futuro, così che "i giovani sappiano far propri i valori costituzionali" che hanno riportato l’Italia su un piano di rilievo nell'ambito della Comunità internazionale e che "ci hanno permesso di raggiungere traguardi sociali inimmaginabili".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carabinieri
MONDRAGONE

Pirata della strada investe una bambina: ricoverata in condizioni gravissime

L’uomo, che aveva assunto cocaina, è ai domiciliari accusato di omicidio stradale
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Alcuni dei migranti tratti in salvo
AGRIGENTO

Porto Empedocle: 20 migranti salvati in mare

Tragedia sfiorata: tra le persone tratte in salvo, anche una donna incinta
Matteo Renzi e Giuseppe Piero (detto
CRISI DI GOVERNO

Renzi: "Salvini è in un angolo, quasi ko"

Grillo: "Disgrazia" cambiare Conte come se "facesse parte di un mazzo di figurine"
Giuseppe Conte al G7
G7 BIARRITZ | FRANCIA

Conte: "Stagione con Lega chiusa, non si riaprirà"

Il presidente del Consiglio italiano inaugura il suo arrivo al meeting con un messaggio su Fb
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola