DOMENICA 07 GIUGNO 2015, 004:00, IN TERRIS

MAFIA CAPITALE GRAMAZIO AL PM: "NON HO MAI PRESO UNA LIRA"

Nell'interrogatorio presso il carcere di Rebibbia, l' ex capogruppo Pdl-Fi in Campidoglio e Regione Lazio, ritenuto una figura chiave nel caso, ha negato tutto

AUTORE OSPITE
MAFIA CAPITALE GRAMAZIO AL PM:
MAFIA CAPITALE GRAMAZIO AL PM: "NON HO MAI PRESO UNA LIRA"
Luca Gramazio, consigliere regionale di Forza Italia, nega tutto: "Non ho preso manco una lira" dice rivolgendosi al gip Flavia Costantini nel corso dell'interrogatorio di garanzia svolto nel carcere di Rebibbia, dove si trova detenuto nell'ambito dell'inchiesta su mafia capitale. L'atto istruttorio è durato oltre due ore durante le quali Gramazio, in base a quanto si apprende, ha respinto le accuse dando una sua versione dei fatti. L'interrogatorio si è svolto "in un clima sereno e collaborativo".

Gramazio, a cui i pm di Roma contestano i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso e la turbativa d'asta - relativamente alla gara da 60 milioni di euro per il Recup, il sistema di prenotazione unificato della Sanità - rappresenta una delle figure chiave di questa seconda tranche della maxi inchiesta sul malaffare capitolino. Per chi indaga l'esponente di Forza Italia rappresenta, infatti, la cerniera tra il clan guidato da Massimo Carminati e le amministrazioni locali.

La difficile per il 34enne erede della famiglia storica della destra, diventa sempre più difficile. Arrestato due giorni fa dai carabinieri del Ros per associazione mafiosa e corruzione, avrebbe ricevuto dal clan di Massimo Carminati 98mila euro in varie tranche e altre "utilità". E' quanto sostengono i magistrati. Gramazio ha accettato di rispondere alla presenza dei pm Paolo Ielo e Luca Tescaroli e l'interrogatorio è durato oltre due ore, durante le quali ha respinto tutte le accuse e dato la sua versione.

Secondo il pm Gramazio avrebbe svolto un ruolo di cerniera tra l'organizzazione di Carminati e Salvatore Buzzi e le istituzioni locali. Intervenendo sul bilancio del Campidoglio per garantire gli stanziamenti a favore delle cooperative di Mafia Capitale e poi alla Regione nel tentativo di orientare una gara d'appalto da 60 milioni nella sanità. I Ros hanno documentato vari incontri tra Gramazio e Carminati: l'ex terrorista dei Nar aveva un rapporto di amicizia sia con lui che con il padre Domenico. Personaggio di "straordinaria pericolosità" e "asset istituzionale" del clan, lo definiscono inquirenti e magistrati.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"