MERCOLEDÌ 06 MAGGIO 2015, 001:30, IN TERRIS

L'UE RIVEDE LE STIME SULL'ITALIA: PIL IN CRESCITA NEL 2016

Torna a crescere l'economia del nostro Paese. In calo anche la disoccupazione

REDAZIONE
L'UE RIVEDE LE STIME SULL'ITALIA: PIL IN CRESCITA NEL 2016
L'UE RIVEDE LE STIME SULL'ITALIA: PIL IN CRESCITA NEL 2016
"Sostenuta da fattori esterni positivi, l'economia italiana torna a crescere nel 2015 e la ripresa si rafforzerà nel 2016" lo dicono le stime della Commissione Ue che prevedono una crescita di +0,6% nel 2015 (invariata rispetto alle stime di febbraio) e di +1,4% nel 2016 (in rialzo di +0,1% su febbraio). "Mentre gli indicatori della fiducia sono stabilmente migliorati nei mesi recenti, la fluttuazione di quelli fondamentali suggerisce che la ripresa dovrebbe essere graduale", scrive la Commissione che rivede al rialzo anche il pil 2014: da -0,5% previsto a febbraio sale a -0,4%. Per Bruxelles l'aumento del pil a +0,6% nel 2015 è sostenuto "soprattutto dall'export aiutato dal deprezzamento dell'euro". E "nonostante le banche siano ancora appesantite dai crediti deteriorati e i tassi reali d'interesse resteranno relativamente alti, si prevede che l'aumento degli export sbloccherà lentamente nuovi investimenti in attrezzature mentre le condizioni del credito miglioreranno gradualmente", si legge nel documento. Per quanto riguarda il 2016, "la ripresa rafforzerà, il pil accelera a +1,4% con l'Italia che beneficia dell'aumento della domanda esterna e con gli investimenti che riprendono". E "il netto deprezzamento dell'euro potrebbe portare a guadagni più forti dell'atteso per la competitività", con rischi "al rialzo" sugli scenari di crescita ed export

Per Bruxelles l'aumento del pil a +0,6% nel 2015 è sostenuto "soprattutto dall'export aiutato dal deprezzamento dell'euro". E "nonostante le banche siano ancora appesantite dai crediti deteriorati e i tassi reali d'interesse resteranno relativamente alti, si prevede che l'aumento degli export sbloccherà lentamente nuovi investimenti in attrezzature mentre le condizioni del credito miglioreranno gradualmente", si legge nel documento. Per quanto riguarda il 2016, "la ripresa rafforzerà, il pil accelera a +1,4% con l'Italia che beneficia dell'aumento della domanda esterna e con gli investimenti che riprendono". E "il netto deprezzamento dell'euro potrebbe portare a guadagni più forti dell'atteso per la competitività", con rischi "al rialzo" sugli scenari di crescita ed export.

Per quanto riguarda la disoccupazione la Ue rivede al ribasso le sue stime di febbraio e aggiorna il 12,8% e 12,6% di tre mesi fa con un 12,4% per quest'anno e il prossimo. Un calo "marginale" nel 2015 che "si stabilizza" nel 2016 con "gli scoraggiati che tornano forza lavoro" e "grazie al taglio del cuneo" che riduce la pressione.

La Commissione Ue rivede leggermente al rialzo le previsioni sul debito italiano nel 2015 (133,1% rispetto al 133% previsto a febbraio), ma vede una decisa discesa nel 2016 (130,6% invece di 131,9% di febbraio) "grazie alla crescita nominale più alta e all'avanzo primario". La Commissione Ue prevede che il debito "abbia un picco attorno al 133% nel 2015, nonostante le privatizzazioni in atto che valgono circa lo 0,5% del pil". Bruxelles rivede al rialzo la stima del debito 2014: a febbraio lo vedeva a 131,9%, oggi a 132,1% dovuto a crescita debole e il pagamento dei debiti della p.a..

La Ue lascia invariate, rispetto a febbraio, poi le stime sul deficit italiano: dal 3% del 2014 cala a 2,6% nel 2015 e 2% nel 2016. "Peggiora leggermente" il deficit strutturale 2015: sale a 0,7% da 0,6% di febbraio. Ma la Ue vede "rischi collegati a possibili misure espansive aggiuntive annunciate nella legge di stabilità ma non ancora dettagliate".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"