MERCOLEDÌ 09 SETTEMBRE 2015, 001:30, IN TERRIS

L'UE FA PRESSING PER LE UNIONI CIVILI: "L'ITALIA LE RICONOSCA"

Strasburgo invita alla legalizzazione dei matrimoni omosessuali. Due mesi fa arrivò la condanna della Cedu

LUCA LA MANTIA
L'UE FA PRESSING PER LE UNIONI CIVILI:
L'UE FA PRESSING PER LE UNIONI CIVILI: "L'ITALIA LE RICONOSCA"
L'Europa entra a gamba tesa sui matrimoni omosessuali. Strasburgo ha inviato una richiesta a 10 Stati membri, fra cui il nostro, affinché approvino leggi che rendano legali le unioni civili e riconoscano le famiglie composte da persone dello stesso sesso. Si tratta, bisogna dirlo, di una risoluzione non vincolante e che, dunque, non impone obblighi all'Italia. Ma in un momento in cui il Parlamento è impegnato nella discussione sul ddl Cirinnà non potrà non avere conseguenze politiche. Gli eurodeputati, nel documento sullo stato dei diritti fondamentali nella Ue, affermano che "i diritti fondamentali delle persone Lgbti (lesbiche, gay, bisessuali e transgender e intersessuati, ndr) sono più probabilmente tutelati se hanno accesso a istituti legali come coabitazione, partnership registrata o matrimonio".

Il Parlamento europeo, prosegue, "accoglie con favore il fatto che 19 Stati membri attualmente offrano tali opzioni e chiede agli altri di valutare di fare lo stesso; ribadisce inoltre la richiesta che la Commissione presenti una proposta per un regolamento ambizioso con cui garantire riconoscimento mutuo dei documenti di stato civile (inclusi riconoscimento legale del genere, matrimoni e partnership registrate) e loro effetti legali, per ridurre le barriere legali e amministrative che siano discriminatorie per cittadini che esercitano il loro diritto di libero spostamento". Per l'Italia è il secondo richiamo in pochi mesi ad arrivare dalle istituzioni continentali. L'ultima era stata la Corte di Strasburgo sui diritti umani che, lo scorso luglio, aveva condannato il Bel Paese per il mancato riconoscimento delle unioni civili omosessuali. Ferma restando la condanna nei confronti di qualunque discriminazione verrebbe da chiedersi in quale situazione si troverebbero ora le migliaia di famiglie tradizionali in difficoltà se nei loro confronti fosse stata usata la stessa attenzione e fermezza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Minore sul web
PEDOPORNOGRAFIA

Il 53% delle vittime ha 10 anni o meno

L'allarme è contenuto nell'ultimo rapporto dell'Unicef su web e minori
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara