MARTEDÌ 18 AGOSTO 2015, 18:30, IN TERRIS

LUCIA BORSELLINO: NUOVO INCARICO A ROMA PER COMBATTERE LA CORRUZIONE

L'ex assessore della regione Sicilia dal primo settembre lavorerà per l'Agenzia nazionale Agenas

AUTORE OSPITE
LUCIA BORSELLINO: NUOVO INCARICO A ROMA PER COMBATTERE LA CORRUZIONE
LUCIA BORSELLINO: NUOVO INCARICO A ROMA PER COMBATTERE LA CORRUZIONE
Un nuovo incarico per Lucia Borsellino. La donna lascerà infatti Palermo per occuparsi di anticorruzione all’Agenzia per i servizi sanitari regionali Agenas. L’incarico durerà due anni e sarà svolto a Roma. La notizia arriva all’indomani di quella che per la figlia di Paolo Borsellino è stata assegnata una scorta. Riguardo al nuovo incarico, l’ex assessore si occuperà del protocollo tra l’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac). Lo ha reso noto la stessa Agenas, precisando che la Borsellino avrà anche l’incarico di seguire alcune delle misure previste dal Patto per la salute 2014-2016 affidate all’Agenas, come il sistema nazionale di monitoraggio e controllo. L’incarico partirà dal primo settembre 2015.

“Conosco Lucia Borsellino da anni, abbiamo già collaborato in più occasioni, non ultima quella della stesura del nuovo Patto per la salute e del Regolamento sugli standard ospedalieri. Poter contare sulla professionalità, l’esperienza, i valori, l’onestà intellettuale e l’etica professionale che la contraddistinguono è un indiscusso valore aggiunto per l’Agenzia e per i suoi interlocutori”, spiega il direttore generale dell’Agenas, Francesco Bevere, annunciando il nuovo incarico dell’ex assessore alla regione Sicilia.

“Oltre a essere impegnati sul fronte Patto per la salute – ha aggiunto – tenuto conto delle preoccupanti dimensioni assunte dai fenomeni di corruzione e conflitto di interessi in ambito sanitario, su indicazione del Ministro Lorenzin, Agenas ha avviato la collaborazione con l’Autorità Nazionale Anticorruzione su un percorso strategico sui temi della trasparenza, dell’etica e della legalitàin sanità e sulla sperimentazione di nuovi modelli di gestione dei rischi nel sistema di governance delle aziende sanitarie”. Bevere sottolinea poi come abbia ritenuto “di affidare questa rilevante area di intervento a Lucia Borsellino” perché “convinto che il Tavolo di lavoro nazionale Agenas-Anac-Ministero della Salute, potrà giovarsi del suo contributo per l’individuazione, la sperimentazione e la realizzazione, in collaborazione delle Regioni, di progetti e azioni concrete, finalizzate alla prevenzione dei fenomeni corruttivi”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015